Qui non si può proprio scrivere "d'Italo". È corretto "di Italo"
Source Link

Nel racconto L'inseguimento d'Italodi Italo Calvino ho letto:

Insomma colui che in questo momento è il mio nemico capitale si trova disperso in mezzo a tanti altri corpi solidi sui quali la mia avversione e paura è obbligata a distribuirsi e a far attrito, così come la sua volontà omicida per quanto diretta esclusivamente contro di me si trova come sparpagliata e deviata tra un gran numero di oggetti intermedi.

Ho cercato il termine "attrito" in alcuni dizionari, comunque non riesco a capire il significato dell'espressione "far attrito" nella frase precedente. Me lo potreste spiegare?

Nel racconto L'inseguimento d'Italo Calvino ho letto:

Insomma colui che in questo momento è il mio nemico capitale si trova disperso in mezzo a tanti altri corpi solidi sui quali la mia avversione e paura è obbligata a distribuirsi e a far attrito, così come la sua volontà omicida per quanto diretta esclusivamente contro di me si trova come sparpagliata e deviata tra un gran numero di oggetti intermedi.

Ho cercato il termine "attrito" in alcuni dizionari, comunque non riesco a capire il significato dell'espressione "far attrito" nella frase precedente. Me lo potreste spiegare?

Nel racconto L'inseguimento di Italo Calvino ho letto:

Insomma colui che in questo momento è il mio nemico capitale si trova disperso in mezzo a tanti altri corpi solidi sui quali la mia avversione e paura è obbligata a distribuirsi e a far attrito, così come la sua volontà omicida per quanto diretta esclusivamente contro di me si trova come sparpagliata e deviata tra un gran numero di oggetti intermedi.

Ho cercato il termine "attrito" in alcuni dizionari, comunque non riesco a capire il significato dell'espressione "far attrito" nella frase precedente. Me lo potreste spiegare?

Source Link
Charo
  • 37.7k
  • 32
  • 113
  • 267

Cosa significa "far attrito" in questa frase?

Nel racconto L'inseguimento d'Italo Calvino ho letto:

Insomma colui che in questo momento è il mio nemico capitale si trova disperso in mezzo a tanti altri corpi solidi sui quali la mia avversione e paura è obbligata a distribuirsi e a far attrito, così come la sua volontà omicida per quanto diretta esclusivamente contro di me si trova come sparpagliata e deviata tra un gran numero di oggetti intermedi.

Ho cercato il termine "attrito" in alcuni dizionari, comunque non riesco a capire il significato dell'espressione "far attrito" nella frase precedente. Me lo potreste spiegare?