4

Ho letto, ma non vorrei sbagliarmi, che i verbi che hanno l'ausiliare essere, se precedeuti da verbi modali/servili (potere, dovere) o simili (iniziare a) possono mantenere il proprio ausiliare o utilizzare il verbo avere.

Quindi vi chiedo se queste frasi per voi sono corrette:

1) Sono iniziato a piacere alla mia amica dopo parecchi anni di amicizia.

2) Ho iniziato a piacere alla mia amica dopo anni di amicizia.

3) Ti è dovuto piacere.

4) Ha dovuto piacerti.

5) Hanno iniziato a cadere questi maledetti capelli.

6) Sono iniziati a cadere questi maledetti capelli.

7) Hanno iniziato a cadermi questi maledetti capelli!

8) Mi sono iniziati a cadere questi maledetti capelli!

9) Sono iniziato a dimagrire e credo che presto mi starà bene questo vestito.

10) Ho iniziato a dimagrire e credo che presto mi starà bene questo vestito.

Le possibilità dovrebbero essere due, ma non sono sicuro.

PS: nel caso di "3", "4", "7", "8" si dovrebbe usare essere se il pronome è prima del verbo, avere se dopo. Scusate per le frasi un po' "particolari".

  • 1
    Le frasi mi sembrano grosso modo tutte corrette, ma così la domanda è un po' vaga. Sfortunatamente le regole sulla scelta dell'ausiliare in italiano sono complesse, come certamente avrai già notato, e sarebbe d'aiuto nel formulare una risposta se tu rendessi la domanda più precisa. – Denis Nardin Mar 4 '19 at 10:31
  • @Denis Nardin: Volevo solo sapere la correttezza delle frasi. Ti faccio questa domanda: Per quale motivo e in quali casi non si dovrebbe mantenere il verbo essere se è l'ausiliare del verbo dopo quello modale? – Nakamura Mar 4 '19 at 11:10
1

Nel libro Grammatica dell'italiano adulto di Vittorio Coletti si può leggere:

Quando un verbo è retto da un altro (modale o aspettuale) l'ausiliare è quello del verbo retto («ha dovuto aspettare», «è dovuto entrare», «ha cominciato ad aspettare», «è cominciato a entrare»). Ma si el verbo retto vuole essere, si può usare anche avere («è/ha dovuto partire»). La cosa si deve al fatto che la sequenza modale + infinito è avvertita sempre più come un verbo unico è quindi se l'ausiliare del verbo retto è avere (che è anche quello del modale) va sempre bene, se è essere si possono usare entrambi, privilegiando o quello del modale (avere) o quello del verbo all'infinito (essere). Se il verbo retto è proprio essere è necessario, più che altro per consetiudine, avere («ha voluto essere assente», «ha cominciato ad essere assente»). Anche se il vervo retto è al passivo (e quindi ovviamente con essere) occorre sempre, e stavolta obbligatoriamente, avere («ha dovuto essere trasportato a braccia»): e si capisce, perché in questo caso la distinzione tra i due verbi è netta, essendo il modale all'attivo e il verbo retto al passivo. Se il verbo retto dal servile è pronominale, la cosa si complica, perché se il pronome è proclitico l'ausiliare è essere («si è dovuto pentire»), cioè quello del verbo retto, se invece è enclitico è meglio usare sempre avere («ha dovuto pentirsi», «no ha potuto lavarsi»), cioè quello del modale, anche se essere in certi casi è possibile («non è/non ha potuto andarsene», ma non «*non è potuto lavarsi»).

A quanto si spiega in questo articolo dell'Accademia della Crusca, la regola sopra menzionata per i verbi pronominali si può generalizzare in questo modo:

3) Se l'infinito ha con sé un pronome atono (mi, si, ti, ci, vi) bisogna usare "essere" se il pronome è prima dell'infinito (es. "non si è voluto alzare"), "avere" se il pronome è dopo l'infinito (es. "non ha voluto alzarsi").

Quindi, d'accordo a queste regole, le frasi che hai scritto nella domanda sono corrette.

| improve this answer | |
  • Permettimi di ricordare anche qui che altre fonti autorevoli ammettono l'uso di “essere” anche prima del pronome: “Se c’è un pronome atono, però, dovranno essere distinte due possibilità: se il clitico è anteposto, l’ausiliare richiesto sarà sempre quello del verbo retto: non ci sono potuto andare (*non ci ho potuto andare); se il clitico è posposto all’infinito, la scelta dell’ausiliare sarà invece libera: non sono potuto andarci e non ho potuto andarci” (Enciclopedia dell'italiano Treccani) – DaG Apr 13 '19 at 11:14
  • @DaG: Penso che questo sia più o meno coherente con quello che afferma Coletti: «non è/non ha potuto andarsene» (sebbene per Coletti la scelta dell'ausiliare in tutti i casi di clitico postposto all'infinito non sia tanto "libera" come afferma la Treccani). – Charo Apr 13 '19 at 11:44
0

Le frasi che mi suonano naturali sono 2, 5, 7, 10.

Mi suonano molto strane la 4 e la 9.

La 3 potrebbe suonare naturale voltata al passivo "ti deve essere piaciuto".

| improve this answer | |
  • 2
    Il sito vorrebbe risposte motivate e, per quanto possibile, non opinabili. Non è vietato esprimere opinioni, ci mancherebbe, ma le risposte dovrebbero contenere principalmente dati di fatto. – egreg Mar 13 '19 at 8:24

Your Answer

By clicking “Post Your Answer”, you agree to our terms of service, privacy policy and cookie policy

Not the answer you're looking for? Browse other questions tagged or ask your own question.