3

Cercando la descrizione della differenza tra passato prossimo e passato remoto nelle grammatiche si trova spesso l'idea che il passato prossimo vada usato quando l'evento passato è ancora collegato al presente, e il passato remoto se l'evento è percepito come separato.

Vedasi ad esempio questa domanda e i suoi vari riferimenti (e.g. la grammatica di Serianni) o questa risposta sul sito della Crusca.

Questo non corrisponde minimamente alla mia percezione dell'uso in pratica. È infatti abbastanza riconosciuto che l'uso dei due tempi varii molto su base regionale (cfr. questa domanda e l'ultimo paragrafo del già citato articolo sul sito della Crusca). Nella mia esperienza l'uso (anche in contesti semiformali) ha molto più a che vedere con il contesto: il passato remoto tende a esistere principalmente nella lingua scritta, e comunque sempre con un certo valore di "passato narrativo", usato quando si vuole implicare una narrazione. Questo però è un puro aneddoto personale, e sono sicuro che l'esperienza di altre persone è differente.

Mi sembra un po' ridicolo però insegnare agli stranieri l'uso di regole a cui solo una stretta minoranza dei parlanti nativi (che vivono in una striscia via via assottigliantesi del centro Italia) aderisce.

Q: Esiste una fonte che descriva l'uso vero della dicotomia tra passato prossimo e passato remoto in pratica, probabilmente facendo divisioni su base regionale dei parlanti?

Your Answer

By clicking “Post Your Answer”, you agree to our terms of service, privacy policy and cookie policy

Browse other questions tagged or ask your own question.