2

Nel romanzo Vita di Melania G. Mazzucco ho letto:

Rocco sorride. Ancora una volta ha visto bene. Non è facile pescare un ragazzino sveglio, in questo quartiere di pecore. Cacaroni capaci solo di farsi mangiare dal lupo – di subire. Gente che s’accorgerebbe che in cielo c’è la luna solo se questa gli cadesse in testa.

Non ho trovato il termine "cacarone" sui dizionari che ho consultato. Potreste spiegarmi cosa significa? Sospetto che sia un termine di uso regionale, probabilmente collegato col napoletano, perché i protagonisti di questo romanzo sono emigrati italiani a New York, provenienti concretamente da Minturno, e ho letto su Wikipedia che il dialetto minturnese deriva dalla lingua napoletana.

  • A quanto pare, nel libro Chi è stregato dallo Strega? Rilievi di stile sugli ultimi romanzi vincitori (2002-2009), indicato da @Benedetta nel suo commento, appare anche questo significato. Nell'anteprima di Google indicata da Benedetta si può leggere la parola "cacaroni", ma non riesco a vedere il significato. – Charo Jun 24 '19 at 9:23
  • Adesso sono riuscita a vederlo: cercando su Google "connellare “cullare” (p. 100); cacaroni" ho trovato nell'anteprima che mostra Google «connellare “cullare” (p. 100); cacaroni “vigliacchi” (p. 101);​». Quindi, il significato di "cacaroni" sarebbe “vigliacchi”. – Charo Jun 24 '19 at 9:38
  • 3
    Più comune sarebbe cacasotto. – egreg Jun 24 '19 at 9:50
5

In questo dizionario di dialetto salentino il termine cacarone viene così definito:

cacarone
significato in italiano: persona che defeca in abbondanza; (traslato) cacasotto, persona vile, codarda. etimologia: cacare.

sinonimi o termini collegati: paurusu, timusu.
contrari: coraggiusu

Come suggerito da @egreg il termine comune sarebbe cacasotto.

| improve this answer | |
4

Il Grande dizionario della lingua italiana non riporta la voce "cacarone", ma sì quella di "cacasótto" con questo significato:

      Cacasótto, sm. Invar. Spreg. Vigliacco, pusil­lanime; buono a nulla; chi si confonde alle prime difficoltà.

Più avanti in questa stessa voce si trova una citazione dal Vocabolario domestico napoletano e toscano (Napoli, 1841) di Basilio Puoti nella quale si legge:

Cacarone o cacasotto, voce bassa ed ingiuriosa con cui si rimprovera altrui la sua timidità e poltroneria.

Quindi, come menzionato da @egreg nel suo commento, "cacarone" sarebbe un sinonimo di "cacasotto" con il significato spiegato sopra.

Anche sul Vocabolario napoletano lessigrafico e storico (Napoli, 1845) di Vincenzio De Ritis si trova:

Cacarone (agg.) Timido, vile, persona da nulla.
            Ma primmo vò chella saetta franca
            De Pannaro trovà pe la barruffa,
            Non pecchè a isso spirito lle manca
            Ca maie de cacarone ha dato muffa
, ec. Om. V, 38.

| improve this answer | |

Your Answer

By clicking “Post Your Answer”, you agree to our terms of service, privacy policy and cookie policy

Not the answer you're looking for? Browse other questions tagged or ask your own question.