1

Ho una domanda su un passaggio nel romanzo di Luigi Pirandello, Il fu Mattia Pascal. Nel capitolo 7, «Cambio treno»:

Alla prima stazione italiana comprai un giornale, con la speranza che mi facesse addormentare. Lo spiegai, e al lume del lampadino elettrico, mi misi a leggere. Ebbi così la consolazione di sapere che il castello di Valencay, messo all’incanto per la seconda volta, era stato aggiudicato al signor conte De Castellane per la somma di due milioni e trecento mila franchi. La tenuta attorno al castello era di duemila ottocento ettari: la più vasta di Francia.

— Press’a poco, come la Stìa... »

Lessi che l’imperatore di Germania aveva ricevuto a Potsdam, a mezzodì, l’ambasciata marocchina, e che al ricevimento aveva assistito il segretario di Stato, barone de Richtofen. La missione, presentata poi all’imperatrice, era stata trattenuta a colazione, e chi sa come aveva divorato!

Chi ha divorato? Che cosa è stata divorata? Cosa vuol dire la parola come? Ho letto dapprima come chi sa quanto aveva divorato (= mangiato nel modo troppo bestiale), nel senso della gelosia per il modo di vivere dei politici, ma non ne sono sicuro. Qual è la logica del passaggio? I marocchini sono stati tanto affamati? Non suona convincente... Ho anche pensato che potrebbe essere l'imperatrice della frase precedente il pretesto per quell'osservazione, ma non riesco a capire in qual modo...

Insomma, vorrei chiedervi, se non vi dispiace: qual è il ruolo di questa frase nel discorso, cosa vuol dire, che cosa implica? Tante grazie!

  • 2
    Il soggetto di "aveva divorato" è "la missione", cioè, "l'ambasciata marocchina". Il testo spiega che i marocchini erano stati invitati a colazione, l'io narrante immagina che, come tu hai detto, abbiano mangiato in "modo troppo bestiale" e fa questa domanda in modo ironico. – Charo Jul 31 '19 at 9:40
  • @Charo Grazie! Cioè l'osservazione è un po' discriminatoria per i marocchini, per i modi moderni, e non gelosa verso la corte della Germania come ho pensato dapprima, se ti ho capito bene. – Evgeniy Jul 31 '19 at 9:45
  • 1
    Penso sia proprio così, @Evgeniy. – Charo Jul 31 '19 at 9:48
1

Il passaggio direi che significa proprio quello che hai inteso tu, cioè mangiare in modo ingordo, assumendo un comportamento simile agli animali:

divorare v. tr. [dal lat. devŏrare, comp. di de- e vorare «inghiottire»] (io divóro, ecc.). – 1. Mangiare con ingordigia, detto propr. degli animali, spec. feroci: il leone divorò la preda; ella fu prestamente divorata da molti lupi (Boccaccio); per estens., riferito a persona (come soggetto), mangiare avidamente o in gran fretta: divorò la sua cena ed uscì; si scagliò contro il malcapitato come se volesse divorarlo.

A margine di questo ti segnalo questa scheda riguardante il passaggio da te citato, con alcuni spunti di analisi che possono aiutarti a capire meglio il testo.

| improve this answer | |
  • Cioè sono stati i marocchini ad essere i "divoratori" insieme alla famiglia imperiale tedesca e alla corte tedesca? Oppure soltanto i marocchini, mentre la famiglia imperiale mangiava come la gente normale? Credo che sia questo che dovessi credere dapprima. :) Grazie! – Evgeniy Jul 31 '19 at 9:39
  • 1
    L'imperatrice aveva offerto la colazione alla delegazione marocchina e loro avevano onorato l'invito mangiando in modo quasi animalesco. Sicuramente non erano abituati alla corte e non seguivano il protocollo alla lettera. – abarisone Jul 31 '19 at 9:43
  • Ho capito, merci! – Evgeniy Jul 31 '19 at 9:47
  • "Credo che sia questo che dovessi credere dapprima" => intendevo di dire "chiedere"... però va bene anche così. – Evgeniy Jul 31 '19 at 10:23

Your Answer

By clicking “Post Your Answer”, you agree to our terms of service, privacy policy and cookie policy

Not the answer you're looking for? Browse other questions tagged or ask your own question.