2

Buongiorno,

Mi chiedo quali delle seguenti due sia corretto, "fare si che" o "fare sì che". Non sono sicuro di quale sia il costrutto giusto, anche perché non capisco la funzione di "si" o "sì" in questo contesto.

Grazie.

  • 3
    Penso che questo post risponda in parte alla tua domanda. – Charo Aug 23 '19 at 14:47
4

Come puoi vedere nel punto 1 della voce "sì" del vocabolario Treccani, in italiano esiste un avverbio "sì", scritto con l'accento, di uso arcaico e letterario equivalente a "così". Tuttavia, questo dizionario spiega che l'utilizzo di questo vocabolo con valore consecutivo è oggi ancora vivo in alcune espressioni che possono essere considerate praticamente come cristallizzate, soprattutto dopo il verbo "fare", ma anche seguito dalla preposizione "da" + infinito:

Con valore consecutivo è ancora dell’uso vivo in alcune espressioni, spec. dopo il verbo fare: bisogna far sì che tutti restino soddisfatti; o quando è seguito dalla prep. da con infinito: aggiungerò qualche nota, sì da rendere il testo più chiaro (v. anche sicché).

Come si è detto in questa risposta, il dizionario Hoepli spiega che la costruzione "fare che sì che" + congiuntivo ha il significato di "fare in modo che":

(con il v. al congiunt.) Fare sì che, fare in modo che: fate sì che tutto proceda nel modo stabilito

Si trova anche sul dizionario Sabatini Coletti

fare sì che, introduce una frase consecutiva-finale: la sua presenza ha fatto sì che si raggiungesse

e sul De Mauro

spec. in relazione con fare: far sì che, far sì da, fare in modo che: devi far sì che tutto si risolva

Nota che i dizionari Hoepli, Sabatini Coletti e De Mauro hanno una voce propria per questo avverbio "sì" (che a volte ha anche valore di congiunzione) per distinguerlo dell'avverbio affermativo "sì", che si trova in una voce diversa.

| improve this answer | |
3

Attento a non confondere il pronome riflessivo “si” con l’avverbio “sì”.

La forma corretta è sicuramente “Far sì che” in quanto “Far si” è una versione errata del verbo riflessivo “Farsi” (“Farsi la doccia.”).


Il Treccani dà un’ottima spiegazione sulla differenza dei due lessemi:

SI O SÌ? Si tratta di due ➔omonimi.

  • Si, senza accento (dal latino se), è il pronome riflessivo atono di 3a persona

    “Si è messo in malattia.”

  • Sì, con l’accento grave (dal latino sic), è l’avverbio di affermazione

    “Hai risposto di sì.”

| improve this answer | |
  • Tuttavia, il "sì" della domanda non è l'avverbio di affermazione. – Charo Aug 23 '19 at 21:26
  • @Charo si tratta invece proprio dell’avverbio di affermazione. Il Treccani spiega in maniera esaustiva l’abbinamento di questo avverbio con il verbo fare al punto “e” di questa pagina treccani.it/vocabolario/si :) – Marcel Ferrari Aug 23 '19 at 21:47
  • 1
    Lo spiega appunto la voce del Treccani che hai messo nel link: si tratta di un avverbio equivalente a "così". – Charo Aug 24 '19 at 6:38
  • @Charo ahhh ho capito cosa intendi. Scusami pensavo ti riferissi al fatto che “Far sì” è una locuzione. Mi spiace ho frainteso il commento >_<. Ho modificato subito la risposta per renderla più chiara :) – Marcel Ferrari Aug 24 '19 at 6:51

Your Answer

By clicking “Post Your Answer”, you agree to our terms of service, privacy policy and cookie policy

Not the answer you're looking for? Browse other questions tagged or ask your own question.