1

Nel romanzo Vita di Melania G. Mazzucco ho letto:

      Ogni volta che Rocco accompagnava a casa il padre, Venera lo spizzava dietro le tende della finestra – lasciando cadere la cortina appena realizzava che lui l’aveva notata. Rocco portava la mano alla falda del cappello e accennava un inchino.

Sapreste spiegarmi il significato di "spizzare" in questo brano? Ho trovato questo verbo in parecchi dizionari, ma tutte le accezioni fanno riferimento a giochi di carte, al calcio o al biliardo.

  • Qui sembra abbia il significato di sbirciare, guardare di nascosto. – abarisone Sep 11 '19 at 15:03
4

In questo blog di dialetto romanesco si può leggere:

Spizzare

  v.tr. [sogg-v-arg] – è il mio preferito. Nessuno dà pizze in faccia, i pestaggi lasciamoli fare ai neofasciti. “Ahò, quello sta a spizzà a Tatiana”.  Approfonditi studi etimologici da me condotti hanno dimostrato scientificamente che è una trasfusione semantica dal gioco delle carte. Qui si tratta di uno sguardo provocatore, sottecchi, nascosto ma non troppo, come quando si scoprono le carte de poker. Tatiana, nonostante sia tarchiata e francamente bruttarella, in questa occasione è stata oggetto di sguardi interessati alla sua fisicità.

Viene data al termine un’interpretazione corrispondente al guardare di nascosto, di sottecchi, sbirciare.

| improve this answer | |
  • 2
    È un modo di guardare che può essere nascosto ma in ogni caso è attento, non veloce o superficiale. – Benedetta Sep 11 '19 at 17:51

Your Answer

By clicking “Post Your Answer”, you agree to our terms of service, privacy policy and cookie policy

Not the answer you're looking for? Browse other questions tagged or ask your own question.