4

Nella commedia Sotto paga! Non si paga! di Dario Fo (testo aggiornato nel 2007 e pubblicato da Einaudi) ho letto:

Dei morti nelle officine e nei cantieri non ne parlano mai! Ma sai quanti sono in Italia, secondo l’ultima inchiesta della CEE, i morti sul lavoro? Gli operai che cadono dagli impiantiti senza protezione? Quelli schiacciati dalle gru e dai bulldozer?

Ho letto tutte le accezioni di "impiantito" che appaiono sul Grande dizionario della lingua italiana. Tuttavia, non riesco a capire del tutto bene il significato di questo termine nel brano sopra citato. Da dove cadono questi operai che lavorano senza protezione? Dal pavimento dei palazzi che stanno costruendo? Dal soffitto o dal tetto di questi palazzi?

  • 1
    Secondo me voleva dire impalcature e gli è sfuggito impiantiti. – egreg Dec 23 '19 at 8:28
  • 2
    Credo si riferisca ai pavimenti, o meglio ai pavimenti mentre sono in costruzione, con un leggero slittamento di significato. – Benedetta Dec 23 '19 at 10:39
  • 1
    Non escludo che sia un refuso e la parola corretta fosse impianti. – neclepsio Dec 24 '19 at 9:44
  • 1
    Azzardo un'ipotesi, imparentata con quella di @Benedetta: mentre il significato odierno è più o meno un sinonimo di “pavimentazione”, guardando qua e là tra le occorrenze della parola in testi d'epoca su Google Books, sembra che in alcuni casi fosse usato per indicare ripiani orizzontali di qualche tipo, come soppalchi, piattaforme e simili. Se è giusto quello che capisco, può facilmente riferisci ai solai in costruzione o addirittura ai ripiani delle impalcature. – DaG Jan 18 at 9:43
  • 1
    Concordo con @DaG ed aggiungo che, probabilmente, Fo si riferisce alle passerelle industriali tipo questa o questa – secan Jan 18 at 13:55
0

Nessuno cade dagli impiantiti, non ha alcun senso.

Per qualche strano motivo, Fo ha scritto impiantiti invece di impalcature dalle quali, purtroppo, gli operai cadono ancor oggi.

Può darsi che Fo voglia mettere in bocca uno strafalcione al personaggio che pronuncia la frase.

Il GDLI esclude altre letture.

enter image description here

enter image description here

  • 1
    Giusto, nella voce “impiantito” non c'è niente che faccia pensare a piattaforme o simili, ma già guardando tutte le occorrenze della parola nel GDLI in generale, qualcosa di promettente c'è. Per esempio, a p. 1037, alla voce “Inghiozzare (2)”, leggiamo: “Al nome di Viareggio, ch’egli, ripeten­dolo infuriato, inghiozzò con accento sull’ò, balzando sull’impiantito di tavole che gli fece da pedana, saltò un mezzo metro per aria e uscì in una sfuriata di parole”. Se è una cosa su cui si può balzare, forse se ne può anche cadere. – DaG Jan 19 at 21:33
  • @DaG Mi pare molto stiracchiato. Non è detto che un premio Nobel sia esente dalle cantonate e questa mi pare proprio una. A meno che il contesto non chiarisca, come ho scritto. – egreg Jan 19 at 21:37
  • @egreg, perché pare stiracchiato? Stabilito che impiantito sia sinonimo di pavimento, non mi pare che nella definizione ci sia alcunché che escluda che tale pavimento possa essere sospeso, come quello di un balcone, o sopraelevato, come quello di una pedana. Con questo non voglio dire che Fo non possa aver usato il termine in modo improprio o comunque oscuro ma solo che nell'ambito della domanda posta da Charo, ossia cosa intendesse Fo e da dove cadano gli operai a cui si fa riferimento, la risposta di DaG sia corretta. – secan Jan 20 at 9:12

Your Answer

By clicking “Post Your Answer”, you agree to our terms of service, privacy policy and cookie policy

Not the answer you're looking for? Browse other questions tagged or ask your own question.