4

When I stay in Rome I hear people using "a" in a strange way, especially in cases in which a criticism or an insult is involved.

For example:

a vedi questo

a burino

a st***zo

and so on.

Can anyone explain what the reason and the historical origin of that “a” are? And, also, what does it precisely mean?

  • 4
    In the first example, it is actually “anvedi”, and I am not sure it is the same as the general “a”. According to Ravaro's Dizionario romanesco, it derives from Latin an videas. – DaG Nov 16 '13 at 9:50
15

Si tratta di un vocativo, e non è necessariamente limitato a degli insulti.

Wikipedia, ad esempio, cita:

Ah Varte', ando vai?

che possiamo rendere con

Ehi Walter, dove vai?

Altri esempi si possono trovare su questa pagina di Roma virtuale

Ad esempio

A rega',...

ossia

Ragazzi,...

Il vocativo in italiano è probabilmente meno usato, ed è reso in varie forme con il complemento di vocazione

| improve this answer | |
3

It is simply an interjection, the Roman exactly corresponding to Tuscan – and so Italian – “o”, which strengthens an exclamation that follows (not to be confused with “oh”).

| improve this answer | |
3

Il valore vocativo è stato ottimamente illustrato da nico.

Per maggiore informazione vorrei solo aggiungere che:

When I stay in Rome I hear people using

a) - non è uso dei soli romani: questa variante dell'o vocativo si può sentire in gran parte dell'Italia meridionale, da Napoli: "a 'nfame!" a tutta la Puglia: "a ricchio'..."

specially in cases in which a criticism or an insult is involved.

b) - non è particolarmente dovuto ad una ingiuria: 'a more'...", "a Nando", *"a tutta bbona!", "a strafica!", "a paraculo!"

c) infine una forma di interiezione vocativa è presente in tutta Italia, con leggere varianti:

a Firenze è rimasto il classico 'o' : "o ragazzi", al sud "a raga'..", al Nord 'oè, ué': "uè ragasi", a Milano: : "oè pirla!", a Bologna : "oè ragassuolo" etc...

d) infine "a vedi questo" è errato e non è assimilabile al vocativo. la forma corretta è " ..'anvedi 'sto fijode..." ed è una deformazione di: "non/ma vedi 'sto..."

| improve this answer | |
  • 1
    Ottime puntualizzazioni. Ti vorrei solo chiedere qual è la tua fonte per il fatto che “anvedi” derivi da “non vedi” (cf. anche quello che scrivevo in un commento alla domanda). – DaG Aug 13 '14 at 15:25

Your Answer

By clicking “Post Your Answer”, you agree to our terms of service, privacy policy and cookie policy

Not the answer you're looking for? Browse other questions tagged or ask your own question.