3

Con la frase

Si mangiano gli spaghetti

so che è scritto 'mangiano' perché la parola spaghetti è plurale. Ma, se si vuole usare un pronome per gli spaghetti (li in questo caso), mangiano diventa mangia:

Si mangiano gli spaghetti => Li si mangia. (Non, li si mangiano.)

Sono convinto (forse sbaglio) che questo è giusto ma è molto difficile trovare una spiegazione nei libri o siti (Treccani, Serianni, ecc.) che spiega perché.

Ritengo che sia "Li si mangia" e non "Li si mangiano" perché "li" è un pronome complemento e quindi non può diventare soggetto di una frase passiva (si passivante).

C'è un sito o libro che potrebbe confermare questo? O c'è un'altra spiegazione?

  • 1
    Non abbraccerei in toto la tua ipotesi sulla concordanza: "Ci sono diversi esempi. Li si trovano in x,y, z" per me è accettabilissimo. – Nico May 10 at 19:21
  • 1
    @Marco: Mi sono presa la libertà di cambiare leggermente il titolo della domanda. Si ritieni però che sia migliore quello precedente, ovviamente puoi fare un "rollback". – Charo May 11 at 18:42
  • Grazie @Charo, il tuo suggerimento è più chiaro. – Marco May 12 at 1:21
2

La spiegazione è nel fatto che, per quanto apparentemente simili, si tratta in realtà di due costruzioni diverse, come intuisci.

“Si mangiano gli spaghetti” è appunto un esempio del cosiddetto si passivante: è di fatto una costruzione passiva, ma non costruita con un ausiliare (come in “sono/vengono mangiati gli spaghetti”). Quindi, analogamente alle altre forme del passivo, il soggetto grammaticale è “gli spaghetti”, nonostante a compiere l'azione sia qualcun altro, non menzionato.
Questo caso rientra nella situazione più generale delle costruzioni anticausative. Semplificando, il senso è semplicemente che, mentre in quelle causative si specifica chi esercita l'azione (“l'autista ferma l'autobus”), in quelle anticausative o decausative no (“l'autobus si ferma”). Se vuoi approfondire, trovi qualcosa in questa tesi di dottorato.

Per inciso, l'uso attuale prevede che nel caso del si passivante

l’accordo è coerentemente dipendente dal soggetto: si sentono urli. Tuttavia, in toscano popolare, come in italiano antico, l’accordo al singolare (quindi di tipo impersonale) è diffuso, anche se è da considerarsi oggi substandard o molto letterario: si sente urli (“accordo”, Enciclopedia dell'italiano).

“Li si mangia”, detto sempre degli spaghetti, è invece una vera e propria costruzione impersonale, in cui il soggetto non è espresso, ma il “si” si riferisce ugualmente a chi compie l'azione. Come spiega la pagina dell'Enciclopedia dell'italiano dell'ultimo link,

Il si impersonale indica un partecipante umano, indefinito, dal riferimento generico (indeterminato o esistenziale [...]).

Nell’interpretazione generica il si denota un gruppo di persone a cui si applica una proprietà, intesa come caratteristica del gruppo. [...]

in questa casa si legge molto [si = «le persone che vivono in questa casa»]

ma sono possibili anche riferimenti specifici (“ieri si è bevuto molto a casa di Mario”).

| improve this answer | |
  • @DaG La tua analisi non evidenzia l'uso dell'accordo di cui si parla nel post. Che si tratti di "si passivante" o di "si impersonale" il verbo è comunque al plurale in presenza di un complemento oggetto plurale. – Nico May 11 at 14:46
  • @Charo Vedi mia specificazione. – Nico May 11 at 14:46
  • 3
    Da un mio libro: "la costruzione si impersonale [...] si forma con si + 3ª persona singolare del verbo in tutti i tempi verbali". Un esempio da questo libro: "In questo ristorante si mangiava benissimo prima, [...]". "La costruzione si passivante si usa quando nella frase c'è anche il complemento oggetto del verbo principale e si forma con si + 3ª persona del verbo, al singolare o al plurale, a seconda del complemento oggetto che segue". Esempi da questo libro: "Si parla italiano. // Si parlano diverse lingue". Comp. ogg. tra virgolette: in realtà è il soggetto. – Charo May 11 at 15:01
  • 3
    E se ne parla anche qui: achyra.org/cruscate/viewtopic.php?t=2229. Si cita dalla GGIC (in questo caso, si parla di "le mele"): "Se il compl. oggetto è un pronome clitico, per tutti gli italofoni sono accettabili le due varianti: quella con il compl. oggetto (583) e quella in cui il compl. oggetto diventa soggetto (584): // (583) Le si mangia. // (584) Esse/Ø si mangiano. // [...] In alcune varietà è accettata anche la forma Le si mangiano". Quindi, "le si mangiano" non è del tutto standard, ma è ammesso in alcune varietà. – Charo May 11 at 15:25
  • 2
    Per me l'importante di quel forum è la citazione dalla GGIC. – Charo May 11 at 15:38

Your Answer

By clicking “Post Your Answer”, you agree to our terms of service, privacy policy and cookie policy

Not the answer you're looking for? Browse other questions tagged or ask your own question.