5

Come è tristemente noto in epoca fascista molti termini stranieri di uso comune, tendenzialmente inglesi o francesi, furono italianizzati, diversi esempi possono essere visti in questa domanda.

Che io sappia però si tratta o di termini coniati ex novo e caduti velocemente in disuso alla fine del ventennio, ad esempio "sciampagna" per "champagne", o di termini preesistenti in italiano che dovevano sostituire un vocabolo straniero bandito, ad esempio "albergo" per "hotel".

Esistono parole che sono state coniate in epoca fascista per italianizzare un termine straniero e che sono ancora diffuse?

  • 1
    Il fatto che troppi termini stranieri (soprattutto inglesi) siamo usati nella lingua italiana non è un sentimento prettamente fascista. Più recentemente la questione e è stata posta anche in ambito linguistico senza coloriture politiche. accademiadellacrusca.it/it/contenuti/… – Hachi May 18 at 11:32
  • 1
    Benvenuto/a su Italian.SE! – Charo May 18 at 11:34
  • 2
    A occhio, mi sembra che una buona metà di quelle parole, da “autista” a “tramezzino”, siano ampiamente entrate nell'uso normale; persino varie di quelle coniate da D'Annunzio... – DaG May 18 at 11:42
  • @DaG autista e tramezzino sono ottimi esempi, mettili in una risposta! Delle parole attualmente di uso comune nella tabella linkata non mi è chiaro quali sono state coniate nel ventennio e quali erano preesistenti – Quasi-isometry May 18 at 11:47
  • 1
    @Hachi: Giusto, e aggiungo, sugli anglismi in italiano, questo articolo di Tullio De Mauro, che non era certo un uomo di destra. – DaG May 18 at 12:51

Your Answer

By clicking “Post Your Answer”, you agree to our terms of service, privacy policy and cookie policy

Browse other questions tagged or ask your own question.