5

Ho un dubbio sulle forme alterate (ad es. diminutivo ed accrescitivo) di nomi col plurale irregolare in "-a" (braccia, ginocchia, dita) derivanti dal neutro di seconda declinazione latino.

Quando diminuiti o accresciuti, immaginando di usare la forma plurale in "-a" come base – tutti i miei esempi sono in realtà sovrabbondanti, ma la forma in "-i" non causa dubbi –, diventano "-ina/-ona" o "-ine/-one"?

Insomma:

1)

le braccia → le braccina/bracciona;

le dita → le ditina/ditona

oppure

2)

le braccia → le braccine/braccione

le dita → le ditine/ditone

?

Io sono abbastanza convinto dell'opzione 2 ("ine/one"), ma conosco persone a cui viene più naturale l'opzione 1.

4

Il senso dietro all'opzione 2 è che quando modifichi un nome, il suffisso si porta dietro tutta la sua 'declinazione': non si dice Giovanni fa il birraia perché viene da birra, ma è il suffisso -aio che stabilisce come formare i finali.

Questo è un principio grammaticale che viene direttamente dal latino: ad esempio, corpus, -oris è della III declinazione, ma se ci attacchi un suffisso corpusculum, -i diventa della II perché prende la declinazione propria del suffisso.

Quindi si dice "il braccino/i braccini", se si usa il maschile, e "le braccine" se si vuole tenere il plurale femminile.

(Con il solito disclaimer che se poi l'uso comune che si impone è diverso, il principio grammaticale vale solo la carta su cui è scritto --- quindi la tua risposta fa bene a considerare questo lato della questione.)

| improve this answer | |
  • Credo che l'OP volesse chiedere se i plurali sovrabbondanti si trasferiscono a diminutivi o accrescitivi: il braccio/i bracci/le braccia e il braccino/i braccini/le braccina. – egreg May 24 at 12:42
  • 2
    @egreg Non ti seguo: a me sembra abbastanza chiaro che la domanda sia "assumendo che uno voglia usare il femminile, si dice le braccina o le braccine". C'è addirittura una scelta tra opzione 1 e opzione 2 nella domanda. – Federico Poloni May 24 at 12:48
1

Un articolo sul sito dell'Accademia della Crusca ("Plurale di manina, braccino, ditino e... ovetto" di Paolo D’Achille e Anna M. Thornton) copre l'argomento.

Analizzando il corpus storico di La Repubblica trova:

  • 1 "braccini", 22 "braccine", 0 "braccina"
  • 2 "lenzuolini", 1 "lenzuoline", 0 "lenzuolina"
  • 9 "ditini", 8 "ditine", 3 "ditina"

Da Google Libri le abbondanze relative sembrano simili, ma sono ribaltate per "ossa", per cui prevale, tra quelle femminili, la forma in "-ina":

  • 68 "braccini", 2040 "braccine", 65 "braccina"
  • 801 "ditini", 218 "ditine", 167 "ditina"
  • 3840 "ossicini", 101 "ossicine", 256 "ossicina"

Da un'esplorazione delle grammatiche, l'articolo della Crusca trova che o il tema non viene trattato, o, laddove lo fosse, che le forme in "-ina" sono indicate come "non ammissibili" o non elencate tra quelle ammissibili.

Concludendo, tra le forme in -i e quelle in -e trova sostanziale equivalenza:

L’assenza di prescrizioni normative da un lato e la diffusione dei diminutivi di questo tipo più nel parlato colloquiale che nello scritto (e in genere nell’uso formale) spiegano perché l’uso non sia mai stato regolamentato e risulti ancora oscillante

mentre sconsiglia l'uso della forma in -a:

le forme in -a non sembrano neppure oggi proprio del tutto impossibili. Sono però decisamente marginali, e dunque sconsigliabili.

| improve this answer | |
  • 1
    Non riesco a capire la ragione dei downvote su questa risposta, che è infatti un riassunto di quello che dice l'Accademia della Crusca sull'argomento. Per favore, utenti che avete fatto questa valutazione, potresti cercare di essere più costruttivi e spiegare come, secondo voi, si potrebbe migliorare questa risposta o cosa non va nel suo contenuto? Si veda questo post sul sito Meta per più dettagli. – Charo May 27 at 10:24

Your Answer

By clicking “Post Your Answer”, you agree to our terms of service, privacy policy and cookie policy

Not the answer you're looking for? Browse other questions tagged or ask your own question.