1

So che si dice "niente di meglio" e "niente di peggio". Per esempio, al numero 6 della voce "meglio" del dizionario De Mauro si trova:

6. agg.inv. FO con valore neutro indica cosa migliore: se stai calmo è meglio, penso sia meglio non dirgli niente | con il verbo essere sottinteso: meglio, tanto meglio per noi!, siamo noi che ci guadagnamo | preceduto da di in espressioni partitive: in mancanza di meglio, non c’è niente di meglio che un buon caffè

E al numero 5 della voce "peggio" dello stesso dizionario si può leggere:

5. agg.inv. FO con valore neutro indica cosa peggiore: se ti arrabbi è peggio, pensavo fosse peggio non dirgli niente | con il verbo essere sottinteso: peggio, tanto peggio per voi!, siete voi che ci rimettete; tanto peggio tanto meglio, per indicare in modo disfattistico gli aspetti positivi che possono derivare dall’aggravarsi della situazione | in loc.pragm., peggio che peggio, peggio che mai, per indicare una condizione estremamente spiacevole o un problema di difficile soluzione | preceduto da di in espressioni partitive: c’è di peggio, non poteva succedere niente di peggio

Tenendo conto delle spiegazioni precedenti che fanno riferimento a espressioni partitive con "meglio" e "peggio", penserei che si debba anche dire "qualcosa di meglio" e "qualcosa di peggio". E, infatti, alla voce "meglio" del vocabolario Treccani appare questo esempio:

bisognerebbe cercare qualcosa di meglio.

Tuttavia, ricercando "qualcosa di migliore" e "qualcosa di peggiore" su Google o su Google Libri, ne trovo molte occorrenze. Allora, la mia domanda sarebbe: sono ammissibili entrambe le forme?

12
  • 2
    Con “qualcosa di” si può usare un aggettivo.
    – egreg
    May 24, 2020 at 15:34
  • 1
    Appunto. Dov'è il problema?
    – egreg
    May 24, 2020 at 15:57
  • 1
    Non capisco l'obiezione. Ci va un aggettivo: migliore è aggettivo, meglio può essere usato come aggettivo. Da parte mia direi qualcosa di meglio.
    – egreg
    May 24, 2020 at 16:05
  • 1
    Davvero il DeMauro scrive "guadagnamo" senza la i? May 25, 2020 at 5:19
  • 2
    @charo La Crusca dice, giustamente, "omettere quella i significa "tagliare" una parte del morfema flessivo"; poi prosegue con "la norma oggigiorno è relativamente elastica". Ognuno può intepretare a modo suo quel relativamente: io lo intepreto come restrittivo e ritengo che un dizionario dovrebbe fare altrettanto. May 27, 2020 at 5:22

0

Your Answer

By clicking “Post Your Answer”, you agree to our terms of service and acknowledge you have read our privacy policy.

Browse other questions tagged or ask your own question.