1

Nel racconto L’amore ai tempi del Covid-191, di Antonio Manzini, ho letto (grassetto mio):

    «No, voglio capire perché uno a trent'anni sta a casa della sorella».
    Pietro si guardò le mani. «Perché casa dei miei genitori l’abbiamo venduta».
    «Ah, altrimenti starebbe con loro?».
    «Con chi? Con quei due vecchi rincoglioniti? Ma per carità!».
    Rocco si grattò la barba. «Sì, ma sempre con quei vecchi rincoglioniti sta vivendo, no? In più su un divano letto».

Questo Pietro e i suoi genitori abitano a casa della sorella, di cui precedentemente si è detto questo:

    La casa era di 90 metri quadrati. In fondo al corridoio la stanza dei bambini, accanto quella matrimoniale, nel saloncino con l'angolo cottura si apriva un piccolo balcone che fungeva anche da sgabuzzino. La stanza da letto accanto all'ingresso era aperta. Due anziani, seduti sul materasso con indosso la mascherina, si tenevano le mani e pareva tremassero.
    La moglie e i figli erano in salone seduti sul divano a due posti.

Leggendo questo passaggio, la mia impressione è che i genitori (questi "due anziani") dormissero in questa "stanza da letto accanto all’ingresso", mentre invece Pietro lo facesse su questo "divano a due posti".

La mia domanda è sul significato di questo "in più" che appare nel primo brano. Potrebbe voler dire "per di più", cioè, "per giunta", "inoltre"? Alla voce "più" del vocabolario Treccani, ho trovato parecchi usi della locuzione "in più", ma nessuno con questo significato.



1. Secondo il blog di Licia Corbolante, che si occupa di ricerca terminologica e qualità linguistica, dovrebbe essere "della COVID-19", ma in questo racconto l'autore fa confusione tra virus e malattia.

  • 2
    La tua supposizione è corretta. Espressione equivalente a "per di più", "in aggiunta", "inoltre", "come se non bastasse", "per soprammercato". – Riccardo De Contardi Jun 5 at 15:52
  • Riguardo la nota: perché credi che "la COVID-19" sia corretto? Ho sempre sentito la parola al maschile. È vero che molte malattie sono femminili, ma non tutte: il vaiolo, il tetano, il cancro, lo scorbuto... – Federico Poloni Jun 5 at 16:36
  • 1
    @FedericoPoloni: Si veda, per esempio, blog.terminologiaetc.it/2020/02/12/…. Infatti, in questo racconto, Manzini chiama Covid-19 al virus, ma il nome del virus è SARS-CoV-2. – Charo Jun 5 at 16:43
  • Io, per il niente che conta, uso “Covid-19” al femminile (pensando a “malattia”, in quanto la “d” sta per disease). In Francia, dove sono più prescrittivi, s'è espressa in proposito l'Académie française: academie-francaise.fr/le-covid-19-ou-la-covid-19 – DaG Jun 5 at 18:17
  • Per quanto riguarda allo spagnolo, si è posta la domanda su Spanish.SE. – Charo Jun 5 at 18:26
2

@Charo la tua supposizione è corretta, questa espressione significa, appunto come hai scritto, "per giunta" oppure "inoltre".

Espressioni con significato analogo e di utilizzo comune sono (l'elenco non è esaustivo): "per di più", "in aggiunta", "come se non bastasse" e "per soprammercato".

| improve this answer | |

Your Answer

By clicking “Post Your Answer”, you agree to our terms of service, privacy policy and cookie policy

Not the answer you're looking for? Browse other questions tagged or ask your own question.