0

Nel racconto Idrogeno dal libro Il sistema periodico, di Primo Levi, ho letto (grassetto mio):

    L'obiezione mi giunse offensiva: come si permetteva Enrico di dubitare di una mia affermazione? Io ero il teorico, solo io: lui, benché titolare (in certa misura, e poi solo per «transfert») del laboratorio, anzi, appunto perché non era in condizione di vantare altri numeri, avrebbe dovuto astenersi dalle critiche.

Ho cercato alla voce "vantare" di parecchi dizionari, ma non riesco a capire il senso dell'espressione "vantare altri numeri" riferita a Enrico che appare nel testo: di che cosa non si poteva vantare?

Per capire il contesto, Enrico e l'io narrante avevano sedici anni ed erano amici che sognavano di diventare chimici nel futuro. Riguardo al laboratorio menzionato nel brano, il racconto spiega:

Il fratello di Enrico, misterioso e collerico personaggio di cui Enrico non parlava volentieri, era studente in chimica, e aveva installato un laboratorio in fondo a un cortile, in un curioso vicolo stretto e storto che si diparte da piazza della Crocetta, e spicca nella ossessiva geometria torinese come un organo rudimentale intrappolato nella struttura evoluta di un mammifero.

3

Qui numero è usato nel senso metaforico di qualità necessarie o competenze.

Vedi la definizione del Treccani (7. Locuz. particolari):

Forse con riferimento a qualche gioco: avere tutti i n., tutte le qualità necessarie al successo; un giovane che ha dei n., doti positive e buone possibilità di riuscita

La frase [non poter] vantare altri numeri assume appunto il significato di non poter vantare competenze per contraddire l'altro personaggio.

| improve this answer | |

Your Answer

By clicking “Post Your Answer”, you agree to our terms of service, privacy policy and cookie policy

Not the answer you're looking for? Browse other questions tagged or ask your own question.