0

Nel racconto Ferro dal libro Il sistema periodico, di Primo Levi, ho letto questo passaggio riferito a Sandro, un amico piemontese (e che si esprime con accento piemontese o in piemontese) dell'autore dei tempi in cui studiava chimica all'università (grassetto mio):

D'inverno, quando gli attaccava secco, legava gli sci alla bicicletta rugginosa, partiva di buonora, e pedalava fino alla neve, senza soldi, con un carciofo in tasca e l’altra piena d’insalata: tornava poi a sera, o anche il giorno dopo, dormendo nei fienili, e piú tormenta e fame aveva patito, piú era contento e meglio stava di salute.

Non capisco il senso di "gli attaccava secco" in questo brano. Ho cercato alle voci "attaccare" e "secco" di parecchi dizionari, ma non sono riuscita a trovare questa espressione. Sapreste spiegarmi cosa significa?

  • "attaccare" viene usato secondo me nel senso di "iniziare"; "secco" potrebbe riferirsi ad una qualtià del tempo atmosferico dell'inverno (freddo secco ma non umido) oppure nel senso di "risoluto" - da intendersi quindi una cosa del tipo "quando l'inverno iniziava a farsi sentire sul serio..." o simili – Riccardo De Contardi Jun 15 at 16:38
4

Si tratta di un'espressione derivata dal piemontese "ai tacàva sec", perfettamente calzante con la descrizione di Sandro. In italiano si potrebbe rendere con "gli prendevano i cinque minuti", per esprimere una voglia o un desiderio improvviso al quale non si riesce a rinunciare, anche a costo di fatica e sacrifici, proprio come quelli a cui si sottopone (con soddisfazione) il protagonista del racconto.

| improve this answer | |

Your Answer

By clicking “Post Your Answer”, you agree to our terms of service, privacy policy and cookie policy

Not the answer you're looking for? Browse other questions tagged or ask your own question.