1

Nel racconto Ferro dal libro Il sistema periodico, di Primo Levi, ho letto (grassetto mio):

      La facile cresta doveva bene essere facile, anzi elementare, d’estate, ma noi la trovammo in condizioni scomode. La roccia era bagnata sul versante al sole, e coperta di vetrato nero su quello in ombra; fra uno spuntone e l’altro c’erano sacche di neve fradicia dove si affondava fino alla cintura.

Ho letto il contenuto della voce "sacca" sul vocabolario Treccani, ma non sono sicura di che cosa significhi "sacche di neve". Semplicemente accumuli di neve? Rientranze del terreno piene di neve?

Ricercando "sacche di neve" su Google se ne trovano parecchie occorrenze.

5

Come hai intuito, sono avvallamenti del terreno, più o meno profondi, che la neve riempie formando dei depositi. Per questo in primavera sono le ultime zone dove la neve resiste (o le prime dove si ferma in inverno) e non a caso Levi precisa "sacche di neve fradicia". Proprio perché vi si affonda facilmente, sono molto fastidiose da attraversare per chi va in montagna.

| improve this answer | |

Your Answer

By clicking “Post Your Answer”, you agree to our terms of service, privacy policy and cookie policy

Not the answer you're looking for? Browse other questions tagged or ask your own question.