2

Nel contesto della pandemia di COVID-19, purtroppo nel mio paese di questo si parla molto ultimamente: in spagnolo si usa il termine "rebrote" (e in catalano "rebrot") per designare le situazioni in cui si trovano alcune zone nelle quali c'è di nuovo una crescita significativa del numero di malati, come potete vedere, per esempio, in questo recente articolo di giornale. In realtà, questo termine proviene dal vocabolario usato per le piante: il verbo "brotar" significa "germogliare", in modo che "brote" è l'azione di germogliare e "rebrote" sarebbe l'azione di germogliare di nuovo.

Per quanto ne so, in inglese, si usa l'espressione "new outbreak". Come si può rendere questo concetto in italiano nel contesto che ho descritto?

  • Il dizionario di inglese che ho consultato dà epidemia come accezione medica di outbreak, oppure esplosione di epidemia. Quindi siamo alle solite: invece di dire semplicemente epidemia si adopera una parola inglese, fa più fino. – egreg Jul 7 at 16:03
  • @egreg: Anch'io ho visto "epidemia" come traduzione di "outbreak" sui due dizionari inglese-italiano che si trovano su WordReference. Ma veramente si userebbe "epidemia" o "esplosione di epidemia" nel contesto che ho spiegato nella domanda? – Charo Jul 7 at 16:09
  • 2
    Di solito si dice “focolaio di epidemia” per casi in cui la diffusione è ancora limitata. – egreg Jul 7 at 16:11
  • 1
    Riguardo outbreak, il significato originale del termine inglese è “scoppio” e viene usato spesso in riferimento a malattie o fatti gravi ( una malattia o una guerra ad esempio), “outbreak of cholera“ o “outbreak of a war.” In italiano il termine scoppio è usato in maniera analoga, scoppio del colera o è scoppiata una guerra. – Hachi Jul 7 at 17:01
  • 3
    Vicenza, torna dall’estero e scoppia un nuovo focolaio: 5 positivi e 40 in isolamento. corrieredelveneto.corriere.it/veneto/cronaca/20_luglio_02/… - La mappa dei nuovi focolai di Coronavirus in Italia regione per regione fanpage.it/attualita/… – Hachi Jul 7 at 18:21
3

In italiano, invece della similitudine con la pianta che germoglia, si adopera la similitudine con il fuoco.

In un focolare si tenevano braci accese per poter avviare il fuoco quando occorreva. Nella mia lingua regionale si adopera il termine “bronsa cuerta” (brace coperta) per indicare una persona all'apparenza mite ma invece potrebbe scatenarsi all'improvviso.

Nel caso di epidemie, un piccolo gruppo di infettati può rapidamente diffondere il contagio se non viene isolato. Così si adopera la variante dotta di focolare, cioè focolaio, che è un termine piuttosto comune nel gergo medico.

Si può dire “si è formato un focolaio di infezione” o anche “esploso”, “scoppiato” o simili. Dipende dalla grandezza del focolaio.

| improve this answer | |

Your Answer

By clicking “Post Your Answer”, you agree to our terms of service, privacy policy and cookie policy

Not the answer you're looking for? Browse other questions tagged or ask your own question.