1

Nel romanzo Ferito a morte, di Raffaele La Capria, ho letto (grassetto mio):

Devi vedere anche la Mostra d’Oltremare con le fontane luminose, sfumature bellissime, mauve, fraise, beige, ti dico un colpo d’occhio!... Un’altra idea di Lauro.

La mia domanda è sul significato di "colpo d'occhio" in questo passaggio.

Sul vocabolario Treccani ho trovato:

C. d’occhio, vista, veduta, spec. panoramica, dall’alto; o anche, occhiata, il vedere (e il saper vedere) a un tratto: si distingue a c. d’occhio, subito, alla prima; è un uomo che ha un c. d’occhio sicuro.

E anche sul De Mauro si legge:

colpo d’occhio
loc.s.m.
CO
veduta d’insieme, panoramica: dalla terrazza c’è un bel colpo d’occhio | occhiata veloce, sguardo rapido: il colpo d’occhio dell’artista; a colpo d’occhio, a prima vista, subito: riconoscere qcn. a colpo d’occhio

Tuttavia, non mi sembra che queste accezioni, espresse esattamente in questo modo, siano adatte al contesto del testo. Ho la sensazione che si usi "colpo d'occhio" per descrivere qualcosa (quelle fontane con tutti quei colori) che produce una certa impressione alla vista. È così? Cosa significa "colpo d'occhio" in questo contesto?

  • 3
    La tua interpretazione è secondo me corretta; il significato della frase è quello che hai trovato, ma in questo caso il significato è quello che hai detto tu.... potremmo anche dire che c'è un'aggettivo sottointeso, tipo "che (bel) colpo d'occhio" o "che (magnifico) colpo d'occhio". – Riccardo De Contardi Sep 19 '20 at 8:44

Your Answer

By clicking “Post Your Answer”, you agree to our terms of service, privacy policy and cookie policy

Browse other questions tagged or ask your own question.