2

A Roma "praticamente", quando significa "in pratica", spesso nel parlato viene pronunciato come "praente" o "preente" o con una vocale molto lunga che alterna tra a ed e. Succede anche fuori da Roma? E conoscete altri casi simili?

Ho trovato casualmente un esempio in un video, al secondo 7 :D spero si veda

https://www.instagram.com/tv/CJqMszuoeTZ/?igshid=1vhxidol21m9i

7
  • 1
    Benvenuto su Italian.SE! Curioso: quindi, se ho capito bene, i fonemi corrispondenti a [ticam] spariscono completamente? – Charo Nov 7 '20 at 13:13
  • E questa vocale molto lunga sarebbe il fonema [ə] allungato (geminato?)? – Charo Nov 7 '20 at 13:26
  • 3
    Io sono di Roma, ma non mi sembra che sia una pronuncia usuale. O per meglio dire, capita, pronunciando una parola con molte sillabe, di mangiarsene qualcuna (prova a dire velocemente “prestito interbibliotecario”), ma direi che sia un fatto comune a molte lingue e molte parole, in particolare nel cosiddetto “allegro”, cioè il ritmo del parlato veloce. – DaG Nov 7 '20 at 14:06
  • 2
    Mai sentito, ma non sono di Roma e vivo fuori dall'Italia da anni... – Denis Nardin Nov 9 '20 at 9:03
  • 1
    Ci farò caso. Per ora posso ipotizzare che, per chi dice così, “praticamente” sia quasi un intercalare (alla stregua di “nevvero”, “allora” e altre parole che qualcuno inframmezza al resto del discorso) e quindi l'uso frequente lo abbia un po' deformato. – DaG Feb 18 at 11:28

Your Answer

By clicking “Post Your Answer”, you agree to our terms of service, privacy policy and cookie policy

Browse other questions tagged or ask your own question.