1

Quando è stato usato per la prima volta il lei invece del voi nella lingua italiana? È stato importato da un’altra lingua, oppure ha avuto origine in Italia?

4

L'uso del lei deriva, per semplificazione, dalle forme del tipo vossignoria, vostra eccellenza, etc. Questa forma è nativa all'italiano e risale al tredicesimo secolo, ma è stata favorita dall'analogia con lo spagnolo usted. La breve repressione in epoca fascista è servita solo a rendere il lei più popolare con la caduta del regime.

Purtroppo non ho modo di accedere al libro di Brunet (vedi sotto), e nessuna delle fonti che ho a disposizione dà esempi di quest'uso del lei nel Duecento.


Il breve paragrafo di cui sopra è un riassunto di A Linguistic History of Italian, di Martin Maiden (sezione 9.6 Pronouns of address), che riporto qui di seguito per completezza. La traduzione in italiano è mia.

[The pronouns of address lei and loro] originate in the use as forms of address of honorific nouns, rather like English ‘your honour’, ‘your worship’, ‘your ladyship’ – cf. Brown and Levinson (1987: 276f.); the language of the sixteenth century developed a profusion of honorifics such as vostra signoria; vossignoria; vostra eccellenza, etc. It seems that the use of such devices received a considerable impetus from Spanish models, such as Vuestra Merced (> usted) in the sixteenth century, although the employment of third person forms is detectable as early as the thirteenth (cf. Brunet (1987: 12)). These (usually feminine) nouns are replaced by feminine third person pronouns, which are the source of modern Ella, Lei and plural Loro. [...] The perception that third person address forms are a product of foreign influence prompted the Fascist authorities, in the 1930s, to denounce Lei in favour of the supposedly more ‘Italian’ polite voi (see Brunet (1987: 69–78)). Such denunciation served only to promote a reaction in favour of Lei in the post-Fascist period.

[I pronomi di indirizzo lei e loro*] hanno origine nelle forme di indirizzo di nomi onorifici, come vostro onore, signoria vostra, etc. [...]; il linguaggio del sedicesimo secolo sviluppò una profusione di onorifici come vostra signoria; vossignoria; vostra eccellenza, etc. Sembra che l'uso di tali forme ricevette un considerabile impeto da modelli spagnoli, come Vuestra Merced (> usted) nel sedicesimo secolo, sebbene l'impiego di forme della terza persona sia discernibile sin dal tredicesimo (cf. Brunet (1987: 12)). Questi nomi (solitamente femminili) sono rimpiazzati da pronomi femminili di terza persona, che solo la fonte dei moderni Ella, Lei e il plurale Loro. [...] La percezione che le fome di indirizzo di terza persona fossero un prodotto dell'influenza straniera spinse le autorità fasciste, negli anni trenta, a denunciare Lei in favore del voi di cortesia, presunto più 'Italiano'(vedi Brunet (1987: 69-78)). Una tale denuncia servì solo a promuovere una reazione in favore del Lei nel periodo post-fascista.

I riferimenti a Brunet sono da

BRUNET, J. (1987) Grammaire critique de l'italien. 9. Tu, voi, Lei. Paris: Université de Paris VIII: Vincennes.

Your Answer

By clicking “Post Your Answer”, you agree to our terms of service, privacy policy and cookie policy

Not the answer you're looking for? Browse other questions tagged or ask your own question.