2

In Maledetti toscani di Curzio Malaparte si legge, a proposito del piglio dei toscani:

E schietta prosa, e antica, eran quei modi, quelle paroline: «la venga via! gnamo, grullo! la 'un faccia sguerguenze! l'abbassi il pocchio! la si sbottoni! la si tiri giù il bavero! la 'un s'arricci la bazza!»

E più avanti, parlando degli abitanti di Livorno:

Gruppi di mozzi giocano a tamburello davanti alla Botte Ritta, o attorcigliano il pocchio sulla nuca rasata dei Quattro Mori, o ruzzano fra le gambe dei marinai seduti con le spalle al muro ...

Ci sarebbero altre espressioni su cui ho dubbi, ma che cos'è il “pocchio”? Nel primo brano l'uso è figurato e “abbassare il pocchio” sembrerebbe qualcosa di simile ad “abbassare la cresta”. Ma qual è il senso letterale di “pocchio”? Dal secondo passo e da vaghe tracce in rete, ipotizzo che sia qualcosa come una crocchia o un altro modo per raccogliere i capelli. Qualcuno ha qualche fonte precisa? (Il termine, forse perché prettamente dialettale, non compare in nessuno dei soliti dizionari: Treccani, Zingarelli, GDLI, ...)

6
  • Dovremmo aggiungere la tag "regional"?
    – Charo
    Commented Jan 28, 2022 at 6:54
  • Ho chiesto a un mio amico fiorentino ma, purtroppo, non conosce questo vocabolo.
    – Charo
    Commented Jan 28, 2022 at 6:54
  • Grazie mille, @Charo! Immagino che sia “regional”, ma è una delle cose che vorrei capire.
    – DaG
    Commented Jan 28, 2022 at 9:28
  • Ah, ecco, @DaG: appare in questo Vocabolario pratese-italiano con il significato di "crocchia di capelli", che ha senso nel contesto dei brani che hai riportato.
    – Charo
    Commented Jan 28, 2022 at 16:42
  • Infatti ho trovato nel libro Fughe in prigione, anche di Curzio Malaparte: «[...] dai capelli pendenti sugli orecchi in bande ricciute e annodati in pocchio dietro la nuca, dal naso lungo e diritto, dalle labbra sanguigne e cattive [...]».
    – Charo
    Commented Jan 28, 2022 at 18:44

1 Answer 1

2

In questo Vocabolario pratese-italiano si legge

Pocchio

Crocchia di capelli

significato che ha senso nel contesto dei brani riportati nella domanda.

Infatti ho trovato nel libro Fughe in prigione, anche di Curzio Malaparte,

[...] dai capelli pendenti sugli orecchi in bande ricciute e annodati in pocchio dietro la nuca, dal naso lungo e diritto, dalle labbra sanguigne e cattive [...]

brano che sembra confermare il significato del termine sopra riportato.

E nelle note di Giorgio Pinotti al libro Kaputt, sempre di Curzio Malaparte, che si possono leggere anche qui, ho trovato:

   Abbiamo altresì conservato – in assenza di chiare indicazioni d’autore – tutte le oscillazioni grafiche (del tipo incendi/ incendii, effluvii/ impervi, se stessi/ sé stessi, sestesso/ sé stesso, se stessa/ sé stessa), la compagine dei corsivi e dei tondi, delle maiuscole e delle minuscole (introducendo minimi ritocchi in linea con il sistema malapartiano, in questo ambito piuttosto ben delineato), le citazioni (talora liberissime, come, in particolare, quelle da Proust), mentre abbiamo provveduto a sanare, non di rado con l’appoggio di C e G, le numerosissime corruttele; segnaliamo quidi seguito gli interventi degni di menzione (anche relativi alla punteggiatura):

[...] con i capelli raccolti in pocchio a sommo del capo > con i capelli raccolti in crocchia a sommo del capo [G]

2
  • Grazie, ottima scoperta! (Si può forse aggiungere, per completezza, che C e G indicano le edizioni di Kaputt, rispettivamente, del 1944 e del 1948.)
    – DaG
    Commented Jan 29, 2022 at 20:59
  • Confermo, il pocchio è la crocchia, i capelli raccolti con uno chignon o come si dice in inglese “bun”
    – Anna
    Commented Dec 7, 2023 at 17:07

Your Answer

By clicking “Post Your Answer”, you agree to our terms of service and acknowledge you have read our privacy policy.

Not the answer you're looking for? Browse other questions tagged or ask your own question.