3

(Non mi sto riferendo ad un se che introduce un'interrogativa indiretta.)

Un esempio della costruzione nel titolo è presente in una canzone degli 883

Se solo avessi le parole

te lo direi

anche se mi farebbe male

Mi chiedevo se tale utilizzo dei tempi è grammaticalmente corretto o scorretto, e quali regole lo stabiliscono.

Non posso fare a meno di notare che "semplici" riordinamenti fanno suonare la frase veramente brutta alle mie orecchie. Ad esempio

Se solo avessi le parole e anche se mi farebbe male, te lo direi

mi suona molto molto cacofonico, benché stia esprimendo fondamentalmente lo stesso concetto.


(¹) Sì, lo so, il testo di una canzone non è esattamente la fonte cui dovrei attingere aspettandomi un totale rispetto della grammatica, però è almeno la prova che quell'uso dei tempi non è venuto in mente solo a me. Oltretutto, musicalmente farebbe e facesse giocano un ruolo identico, quindi di certo l'autore non ha scelto l'uno o l'altro tempo per accomodare la musica. Evidentemente gli sembrava più appropriato.

1
  • 2
    Questa non è un'istanza di se + condizionale, bensí di anche se + condizionale.
    – Andrea M
    Commented Aug 27, 2022 at 11:25

1 Answer 1

4

Credo che il primo “se” non c'entri veramente; cioè, la questione è che qualcuno formula una situazione ipotetica, “ti direi X”, e una sua conseguenza altrettanto ipotetica, “mi farebbe male”. Quindi “ti direi X ma mi farebbe male” non crea alcun problema. Il problema viene solo dall'usare “anche se” al posto di “ma”, ma verrebbe anche dall'usare “sebbene”, “malgrado” o qualunque altro modo per introdurre una concessiva.

D'altro canto, anche se il modo verbale più usuale per una concessiva è il congiuntivo (“benché sia tardi, voglio finire”), in certi casi sono ammessi anche l'indicativo e il condizionale. Cito da Serianni, Italiano, XIV.175:

il condizionale compare nei casi in cui comparirebbe in una frase enunciativa [...]: «farò un solo esempio, benché se ne potrebbero fare centomila» (Moravia [...]; valore eventuale, che presuppone un'apodosi sottintesa: «se ne potrebbero ... se si volesse»); «allora il sillabario servì, benché non avrebbe creduto mai che fosse impresa di tanto impegno e fatica» (Bacchelli, Il mulino del Po, I 90; valore attenuativo, come nelle frasi semplici che indicano «stupore, perplessità, imbarazzo» [...])

Quindi, se siamo d'accordo sulla mia analisi secondo cui “anche se mi farebbe male” è una concessiva, il condizionale è ammesso, anche se minoritario.

Your Answer

By clicking “Post Your Answer”, you agree to our terms of service and acknowledge you have read our privacy policy.

Not the answer you're looking for? Browse other questions tagged or ask your own question.