2

Forse sto sbagliando qualcosa nella mia analisi, ma questo fenomeno mi confonde:

Il verbo “lavare” nella frase “Io lavo la sua macchina” mi sembra un verbo bivalente transitivo che regge solo due argomenti: il soggetto e l’oggetto diretto.

Ma questa frase può trasformarsi in una frase con un oggetto diretto e indiretto, facendo così: “Gli lavo la macchina”, in cui compare l’oggetto indiretto e scompare l’aggettivo possessivo.

La mia domanda è, qual è il processo di trasformazione che si sta verificando qui? Che ruolo grammaticale ha “gli”, che non mi sembra un complemento di termine?

Grazie.

1
  • 1
    Non sono sicuro di capire il tuo problema, comunque gli è un pronome, io lavo la macchina a lui.
    – Hachi
    Mar 8, 2023 at 19:48

1 Answer 1

2

Non vedrei la frase “gli lavo la macchina” come una “trasformazione” di “lavo la sua macchina”. È una frase diversa, con un significato molto simile, ma non uguale. Nella frase con “gli”, per esempio, non è detto in modo esplicito che la macchina sia della persona di cui stiamo parlando: potrebbe usarla lui senza che sia sua.

Ciò detto, volendo inquadrare quel pronome in termini di complementi classici, direi che sia un complemento di vantaggio: nella pagina che cito c'è tra gli esempi “Gli (= per lui) ho preparato una cena deliziosa”, che mi sembra analogo alla frase sul lavaggio della macchina.

In termini di grammatica valenziale non vedo particolari problemi: “lavo” ha sempre due argomenti (“io” sottinteso e “la macchina”), mentre “gli” è un elemento accessorio.

Your Answer

By clicking “Post Your Answer”, you agree to our terms of service and acknowledge you have read our privacy policy.

Not the answer you're looking for? Browse other questions tagged or ask your own question.