10

Nel seguente titolo di giornale l'uso della particella ne non mi pare corretto (ma posso sbagliarmi):

Bonus, chi ne ha diritto e chi no

Personalmente avrei scritto: "chi vi ha diritto e chi no".

Chiedo quindi lumi sull'uso di ne come complemento di termine (sempre che di complemento di termine si tratti).

  • 1
    Stai suggerendo che "ne" vale "di esso" mentre "vi" vale "ad esso". E visto che si ha diritto "ad esso", non "di esso", parrebbe essere più corretto dire che "vi si ha il diritto", non che "se ne ha il diritto". – user193 Apr 29 '14 at 17:02
  • 1
    «Ho tutto il diritto di farlo» ---> «Ne ho tutto il diritto». «Ho diritto alla pensione» ---> «Vi ho diritto» (o anche «Ne ho diritto»?) – user193 Apr 29 '14 at 17:21
  • un commento a freddo: io avrei scritto 'bonus: chi ha diritto e chi no' omettendo la particella. come titolo di giornale il significato e' chiaro, conciso e immediato. – rosco May 5 '14 at 8:43
5

Corretto, in questo caso "ne" è complemento di termine. A seconda della frase potrebbe essere anche un complemento di specificazione, di moto da luogo ecc.

Non vedo niente di sbagliato nel suo utilizzo nella frase citata. Evitare di usarlo significherebbe dover trasformare la frase in

Bonus, chi ha diritto a ciò e chi no

oppure

Bonus, chi ha diritto al bonus e chi no

o altre frasi orrende del genere.

Aggiornamento Effettivamente, usare "vi" parrebbe più corretto dal punto di vista grammaticale. Secondo me, però, suona molto (troppo?) ricercato al giorno d'oggi, mentre "ne" suona più naturale. Forse uno di quei casi in cui la lingua parlata porta a modificare la lingua in generale?

| improve this answer | |
  • 3
    E tuttavia, dopo l'osservazione di Walter Tross, "chi vi ha diritto e chi no" suona decisamente meglio, non credi? – user193 Apr 29 '14 at 16:47
  • @randomatlabuser dopo aver letto il commento effettivamente sembrerebbe più corretto grammaticalmente. Che suoni Decisamente meglio, invece, non sono propriamente d'accordo :D – user1301428 Apr 29 '14 at 17:14
  • Infatti non sono sicuro che la particella "ne" possa essere usata per costruire il complemento di termine. – user193 Apr 29 '14 at 17:17
  • 1
    Meglio, devo però dire che, almeno alle mie orecchie, il "ne" in questo caso stona un po'. È pur vero che si ha "diritto di (+ verbo)" e "diritto a (+ sostantivo)" e questo può contribuire ad aumentare la confusione. – user193 Apr 29 '14 at 17:40
  • 2
    @Bruno9779, non sono d'accordo. Sto cominciando a pensare al "vi" come ad una specie in pericolo di estinzione. Spero di non dovervi rinunciare, un giorno... ;-) – Walter Tross May 10 '14 at 16:34
2

In «Averne il diritto» ne non è un dativo. Diritto non regge solamente la preposizione a, ma anche di, sia in proposizioni all’infinito («il diritto di fare qualcosa») sia nel semplice complemento di specificazione («diritto di prelazione», «diritto d’intervento», ecc.). Ne mantiene dunque il suo significato: «Avere il diritto di ciò».

| improve this answer | |

Your Answer

By clicking “Post Your Answer”, you agree to our terms of service, privacy policy and cookie policy

Not the answer you're looking for? Browse other questions tagged or ask your own question.