3

Frequentemente ho questo dubbio: non riesco a capire quando usare "in" e quando "a" dopo il verbo "tradurre". Ad esempio, non so quando debba dire "tradurre in italiano" e quando invece "tradurre all'italiano".

4

Tradurre è un verbo dal duplice significato:

  • In senso etimologico/letterale, significa "condurre, trasportare" e in tal caso può reggere la preposizione a come ad esempio in "il capo tradusse gli scolari a/verso scuola". Ovviamente, a seconda del complemento di luogo, si usa la preposizione adeguata, quindi anche in è plausibile: "il condottiero tradusse le truppe in patria". Questo uso del verbo è considerato piuttosto arcaico.

  • In senso derivato, significa "volgere in un'altra lingua": qui richiede la preposizione in prima della lingua stessa nei casi come: "ho tradotto questo romanzo in tedesco"; "non è sempre facile tradurre in italiano".

Attenzione però, quando si specifica che la traduzione avviene da una lingua ad un'altra, si usano le preposizioni da/a e le loro articolate, oppure (cosa che a me personalmente risulta meno gradevole) da/in e le articolate: "Egli ha tradotto la versione dal latino all'italiano" o anche "Egli ha tradotto la versione dal latino in italiano".

Si veda anche la voce Treccani.

| improve this answer | |
  • 2
    La tua risposta mi sembra molto chiara (grazie mille!), ma nel vocabolario Treccani c'è questo esempio: "tradurre un articolo dall’inglese in italiano". Secondo la tua spiegazione, non dovrebbe essere "all'italiano"? – Charo Jul 1 '14 at 12:10
  • 1
    @Charo Hai ragione! Ho aggiunto il fatto che anche quella forma con "in" va bene. A dire il vero, a me suona un po' meno gradevole della forma da/a, ma magari sentiamo anche qualche altro parere. – martina Jul 1 '14 at 12:26
  • 2
    Credo sia una questione di gusti personali, tecnicamente entrambe "dall'inglese all'italiano" e "dall'inglese in italiano" sembrano corrette; la prima è forse più usata, la seconda è forse una forma più pura linguisticamente? Concretamente penso che nessuno, normalmente, ci farebbe caso. Spesso leggo autori che, intenzionalmente, fanno uso di costruzioni atipiche, solo per fare effetto o per ricordarti che "ehi, si può dire anche così, eh! Non prenderla a male!". – user193 Jul 1 '14 at 17:46
0

In italiano si utilizza normalmente il costrutto "da... a" ( e le sue varianti "dallo ... allo" ecc... ) per frasi del tipo:

tradurre dallo spagnolo al giapponese

meno usata, quantomeno nella lingua parlata, la costruzione "da... in" .

Invece si utilizza, sempre in modo colloquiale, la costruzione "tradurre a..." in casi come il seguente:

Tradurre a spanne (cioè in modo non rigoroso, grossolano).

Ad esempio, di fronte ad una traduzione approssimativa di un testo dall'italiano all'inglese si può esclamare: "è tradotto a spanne" ... proprio per sottolineare una traduzione maldestra e poco aderente all'originale.

| improve this answer | |
  • 2
    Ma “tradurre a spanne” non c'entra con le possibili sintassi del verbo “tradurre”! È la locuzione avverbiale “a spanne” applicata al verbo “tradurre”. Altrimenti potresti dire che il verbo “tradurre” si può costruire con la preposizione “per” (“tradurre per soldi”), “con” (“tradurre con passione”) e così via. – DaG Jul 18 '14 at 23:43

Your Answer

By clicking “Post Your Answer”, you agree to our terms of service, privacy policy and cookie policy

Not the answer you're looking for? Browse other questions tagged or ask your own question.