4

Quando si deve usare "che" e quando "se" dopo la locuzione "non sono sicuro/a"?

Per contestualizzare, si discuta quale sia la forma corretta fra le seguenti 1) e 2):

1) Non sono sicura che questa parola sia ben scritta.

2) Non sono sicura se questa parola sia ben scritta.

6

In questo specifico caso userei la prima, mi sembra una proposizione subordinata oggettiva. Il secondo caso mi sembra invece un'interrogativa indiretta (qui il messaggio sarebbe «non sono sicura ma mi domando se sia così»).

Entrambe comunque andrebbero bene, seppur con significati forse non del tutto equivalenti.

Diverso sarebbe stato il caso in cui avessi usato il verbo sapere: avresti allora dovuto dire

«non so se questa parola sia ben scritta» (interrogativa indiretta);

mentre invece sarebbe stato un errore dire

«non so che questa parola sia ben scritta».

Avresti potuto dire però

«che questa parola sia ben scritta o meno, non lo so» (interrogativa indiretta disgiuntiva).

Significativamente, al positivo e con l'indicativo andrebbe bene:

«so che questa parola è ben scritta» (oggettiva).

Invece al negativo e al tempo passato, puoi dire

«non sapevo che questa parola fosse ben scritta (ma adesso lo so)» (oggettiva).

Come vedi, usando il verbo sapere, diventano più chiare le diverse sfumature.

| improve this answer | |
  • Non credo che, nella domanda, il punto interrogativo posto alla fine di 'non sono sicura se questa parola sia ben scritta' sia riferito o connesso a questa frase, ma, piuttosto, credo sia riferto alla domanda stessa. Ora suggerisco una correzione per evitare questo pasticcio. – Elberich Schneider Sep 23 '14 at 2:24
  • 1
    OK, però le interrogative indirette non vogliono il punto interrogativo, quindi non credo che ci possano essere equivoci. – user193 Sep 23 '14 at 4:12

Your Answer

By clicking “Post Your Answer”, you agree to our terms of service, privacy policy and cookie policy

Not the answer you're looking for? Browse other questions tagged or ask your own question.