7

Da chi/come è deciso l'accento delle parole straniere o delle parole nuove? Domanda ispirata da La parola "Ebola" in italiano è sdrucciola o piana?

  • 9
    Dall'uso, non c'è alcuna regola. Per esempio è purtroppo molto comune sentire “ollìnclusive” mentre l'accento dell'inglese inclusive è sulla “u”. – egreg Nov 4 '14 at 22:37
  • Ah qui si apre un mondo di parole inglesi pronunciate sbagliate in italiano che portano a ripetere l'errore quando si parla in inglese... io per esempio sbaglio sempre "bowling" – laika Nov 5 '14 at 8:12
  • Hai messo il dito nella piaga. In Italia non esiste l'Accademia Reale Italiana che giustamente si prende cura di questi aspetti. – carlodurso Nov 26 '14 at 3:10
  • @carlodurso Che cos'è l'«Accademia Reale Italiana»? – DaG Dec 6 '14 at 13:30
  • 1
    @carlodusrso Ma in Italia non c'è un re. Magari l'Accademia Presidenziale Italiana? – DaG Dec 9 '14 at 22:03
1

La massima autorità nel campo dello studio della lingua italiana è l'Accademia della Crusca, che fra i propri propositi ha proprio quello di catalogare i neologismi, fissandone le convenzioni morfografiche e fonetiche. Anche se non è un'istituzione ufficiale dello Stato italiano, la sua autorevolezza è di fatto indiscussa. Qui una breve descrizione su Wikipedia.

| improve this answer | |
  • 2
    Attenzione: giusto ma, tanto per chiarire, la Crusca non è un'“autorità” nel senso che possa (o voglia) dettare norme in campo linguistico. È un organismo di ricerca che studia il presente, il passato, il futuro della lingua (così come l'INFN non dice ai fenomeni fisici come devono comportarsi, bensì li indaga). – DaG Dec 9 '14 at 22:01
  • Ho visitato spesso il sito della Crusca e non mi pare proprio che si limiti a studiare senza tentar di influenzare. – Formagella Dec 17 '14 at 22:43
  • 1
    @Formagella: Non mi sembra di aver parlato di “influenzare” o meno. Ricordavo solo che la Crusca non è un'autorità, bensì un ente di ricerca. Poi è chiaro che un esperto di un argomento esprimerà delle opinioni su ciò che conosce bene, e guai se non lo facesse, altrimenti lascerebbe campo libero a chi ne sa di meno. – DaG Dec 21 '14 at 13:31
1

Secondo l'Enciclopedia Treccani:

«Oggi sono i mezzi di comunicazione di massa che hanno un ruolo decisivo nella stabilizzazione grafica e fonetica dei forestierismi, per i quali si tende ad approssimarsi il più possibile al modello alloglotto, talora anche nel caso di voci che già avevano assunto una forma adattata.»

Dunque, come è stato detto da @egreg, l'accento dei forestierismi è deciso dall'uso, ma sono principalmente i mezzi di comunicazione di massa quelli che stabiliscono tale uso.

Mi sembra curiosa l'affermazione «si tende ad approssimarsi il più possibile al modello alloglotto» perché nel caso precedentemente discusso del vocabolo «Ebola» non è stato così, come si può vedere da questo articolo.

| improve this answer | |

Your Answer

By clicking “Post Your Answer”, you agree to our terms of service, privacy policy and cookie policy

Not the answer you're looking for? Browse other questions tagged or ask your own question.