1

Nel racconto I barattoli di Marisa Madieri ho letto:

"La Fiorella gli andava a genio perché era rispettosa e aveva imparato a non toccare mai le sue cose senza il suo permesso."

Nel Dizionario dei Modi di Dire Hoepli ho trovato che "andare a genio" significa

piacere, essere gradito, attirare, invogliare; anche risultare congeniale.

Sono curiosa di sapere quale sia l'origine di questa espressione. Mi potreste dire qualcosa al riguardo?

2

Secondo la Treccani, "genio" significa, tra l'altro, "carattere, indole, gusto", da cui l'espressione "a genio" e altre:

secondare il proprio g., il g. di altri; non è cosa conforme al mio g.; persona o cosa di mio, tuo g., ecc., che s’accorda con l’indole e con le opinioni nostre o d’altri: è un lavoro di mio g.; mi pare che non sono riuscito di suo g.; finalmente avete trovato un’occupazione di vostro g. (anche iron.); dare nel g. a qualcuno, andargli a g., incontrarne il g., piacergli, riuscirgli simpatico, impressionarlo favorevolmente: la tua proposta non mi va a g.; è un giovanotto che incontra poco il mio g.; fare una cosa di g., con g., volentieri, con piacere, con soddisfazione, in quanto conforme alla propria indole.

Direi comunque che, a parte l'espressione "(non) andare a genio", le altre sono antiquate (e anche "andare a genio" non si usa moltissimo).

| improve this answer | |

Your Answer

By clicking “Post Your Answer”, you agree to our terms of service, privacy policy and cookie policy

Not the answer you're looking for? Browse other questions tagged or ask your own question.