7

L'espressione a vanvera è molto comune e significa:

  • a casaccio, senza riflettere, ed è usata soprattutto nell'espressione: parlare a vanvera.

Secondo Ngram la locuzione ha cominciato a diventare sempre più usata dall'inizio del 1800. Altre fonti la fanno risalire al XVI secolo.

Sull'origine di questo modo di dire ci sono varie ipotesi, una di queste molto curiosa:

  • 1) Alcuni riconducono l'etimologia di vanvera all'antico lemma onomatopeico fanfera dal suono fan-fan (da cui fanfarone = chiacchierone, spaccone, sbruffone, millantatore).

  • 2) Altro etimo, dallo spagnolo bambàra dall'omonimo gioco di carte, a sua volta da bambarria che nel gioco del biliardo indica un tiro sbagliato ma casualmente vincente. Per cui, chi parla a vanvera è colui che parla a casaccio, diremmo con una perifrasi moderna, chi utilizza le labbra senza connetterle col cervello...

  • 3) Una meno diffusa ma non meno interessante etimologia del termine vanvera riconduce l'etimo ad uno strumento in uso nel Seicento presso i Veneziani che era chiamato appunto vanvera: si trattava di un contenitore per i gas intestinali utilizzato da chi soffrisse di meteorismi incontrollabili, che permetteva di scaricare, anche in pubblico, ed immagazzinare momentaneamente tali miasmi un un sacchetto di pelle, e di scaricarli successivamente, una volta non in presenza di altre persone!

Quale tra queste, o eventualmente altre, potrebbe essere la più affidabile origine di questo termine curioso ma molto comune?

2
  • 2
    Sarei proprio curioso di sapere da dove quel sito ha preso la terza ipotesi (o se l'hanno tirata fuori un po' a vanvera...).
    – DaG
    Feb 8, 2015 at 22:56
  • @DaG - la vanvera veneziana sembra essere una cosa che veniva effettivamente usata: merdasser.it/La%20vanvera/La%20vanvera%20it.htm
    – user519
    Feb 8, 2015 at 23:24

2 Answers 2

4

Questa fonte sembra concordare con la prima ipotesi. Ma quest'altro libro del 1840 afferma che il modo avverbiale "a vanvera" è anche detto "a bambera" e "a fanfera". Il vocabolario Treccani conferma che "bambara" è un gioco di carte e che si tratta di una parola proveniente dallo spagnolo "bambarria" ("tiro sbagliato ma fortunato" nel biliardo).

2

Il Dizionario etimologico online pare concordare con la tua prima ipotesi. Le altre due sono interessanti (specialmente la terza) ma credo la prima regga senza bisogno di folklore.

Your Answer

By clicking “Post Your Answer”, you agree to our terms of service, privacy policy and cookie policy