5

Avere un bel fegato o ci vuole un bel fegato sono espressioni molto comuni usate per esprimere il concetto che ci vuole un bel coraggio o bisogna essere sfrontati per poter fare qualcosa di riprovevole.

  • Ci vuole un bel fegato a derubare la povera gente.
  • Bisogna avere fegato per viaggiare in treno senza biglietto.

Avere un bel fegato :

Essere impudenti, sfrontati; commettere azioni spudorate o riprovevoli senza porsi problemi.

Perché il fegato viene usato come metafora di coraggio o impudenza? Ci sono ragioni storiche o letterarie che hanno dato origine a questi modi di dire?

  • in certi dialetti siciliani si usa dire (anche) soltanto "Ci vuole fegato..!" – mle May 14 '15 at 21:18
11

Il legame tra fegato e coraggio è antichissimo. In latino lo iecur, il fegato, era la sede dell’anima e degli affetti. Allo stesso modo, in greco lo ἧπαρ (hḗpar) era la sede delle passioni.

L’accezione è passata anche in italiano ed è rimasta come relitto di concezioni mediche arcaiche, nell’espressione idiomatica in esame e in altre.

Il Tommaseo-Bellini, alla voce «fegato», dice:

Aver fegato; Coraggio ardimentoso, ma in cose materiali. Uomo che ha fegato. Il modo vien forse dall'avere gli antichi posta nel fegato la sede degli appetiti.

«Coraggio […] in cose materiali», coerentemente con la concezione greca, esposta per esempio nel Fedro di Platone, del dualismo tra ragione e passione, intesa come concupiscenza, appetito materiale, ecc.

| improve this answer | |
5

Questa espressione sembrerebbe derivare dalla teoria umorale di Ippocrate, secondo cui la bile gialla, presente nel fegato, è associata al fuoco, quindi alla collera e all'avventatezza.

| improve this answer | |

Your Answer

By clicking “Post Your Answer”, you agree to our terms of service, privacy policy and cookie policy