6

In questa risposta su Academia SE, un utente sostiene che se la particella del cognome è di origine nobiliare, questa va scritta maiuscola e ne è parte integrante, altrimenti va scritta minuscola e può da questo essere separata.

Ovvero:

  1. Di Martino, Emilia
  2. Martino, Emilia di

La seconda forma a me pare platealmente sbagliata: non ho mai visto nulla del genere, e credo sia del tutto campata in aria, magari valida in altre lingue, ma mai in italiano.

Wikipedia non lo dice esplicitamente ma prende in considerazione solo il primo caso. Altrove non ho trovato nulla. Dunque?

Nota bene: sebbene il discorso originale faccia anche distinzione tra maiuscola e minuscola, ai fini di questa domanda mi interessa solamente dove piazzare la particella: che questa sia maiuscola o minuscola può essere interessante ma non è questa la domanda.

  • 6
    Visto che non è questa la domanda, lo metto in un commento: chi ha scritto in quel modo su Academia.SE ha preso un abbaglio. È proprio il contrario: la minuscola va per i nomi di origine nobiliare. Scrive per esempio Serianni (p. 45): «si oscilla con de, di che propriamente richiederebbero la d minuscola quando introducono un predicato nobiliare: duchi d'Alba, Antonio di Rudini; la D negli altri casi: Di Maria, De Amicis». La minuscola, per così dire, denota l'appartenenza a una certa casata, mentre la maiuscola indica un cognome “qualsiasi”. – DaG May 3 '15 at 8:39
2

Il Nuovo manuale di stile di Roberto Lesina dice a p.134 (anche se dissento sull'uso di maiuscole e minuscole: vedi il mio commento alla domanda):

In generale, la particelle posta davanti al cognome si scrive con iniziale minuscola quando il cognome è preceduto dal nome personale; con iniziale maiuscola quando il cognome compare da solo:
Luca della Robbia, Della Robbia
Giuseppe di Stefano, Di Stefano
Carlo Alberto dalla Chiesa, Dalla Chiesa
[esempi con nomi stranieri]

A parte appunto il discorso discutibile sulle maiuscole, è chiaro che sta dicendo che la particella è parte integrante del cognome (Della Robbia, Di Stefano etc).

| improve this answer | |
  • 2
    Dissento anch'io sull'uso della maiuscola: se la particella ha la minuscola, questa va mantenuta eccetto che a inizio di periodo. Ma dissento anche sul fatto che la particella sia sempre parte integrante del cognome; non lo è nel caso di particella “nobiliare”. *Luca Cordero di Montezemolo” diventa “Montezemolo”. – egreg May 3 '15 at 10:22
  • È un inizio, ma preferirei arrivare a qualcuno che ne parli esplicitamente, più che, come in questo caso, parli di una cosa simile e si arrivi alla risposta "per deduzione"… – o0'. May 3 '15 at 13:42
  • 1
    @Lohoris: Non so come darti torto. – DaG May 3 '15 at 15:53

Your Answer

By clicking “Post Your Answer”, you agree to our terms of service, privacy policy and cookie policy

Not the answer you're looking for? Browse other questions tagged or ask your own question.