5

Sto facendo un tandem con una ragazza austriaca e vorrei riuscire a spiegarle la differenza tra verbi intransitivi e transitivi. Per me, in quanto madrelingua, basta domandarmi se il verbo risponde alla domanda "chi, che cosa" senza bisogno di una preposizione (insomma se il verbo regge un oggetto direttamente o no), in quel caso si tratta di transitivi. Altrimenti intransitivi. Purtroppo però questa consapevolezza manca a chi non è madrelingua italiano. Come potrei spiegare quindi come funzionano questi verbi? C'è una lista o qualcosa di simile che si possa seguire o imparare a memoria? Esiste qualche regola?

Specifico meglio: qualcuno tra di voi ha una lista di verbi transitivi e intransitivi in italiano? Il concetto in sè è chiaro, però a me interesserebbe proprio una lista con i verbi transitivi e quelli intransitivi.

  • 5
    In tedesco non esistono verbi transitivi e intransitivi? Quanto meno, i primi corrispondono a quelli che reggono l'accusativo. Il tuo problema è spiegarlo in italiano senza ricorrere ad analogie con la sua lingua di partenza? Più che una lista, semmai farei vari esempi (mangiare, guardare, prendere...) e controesempi (andare, volare...). – DaG May 21 '15 at 9:02
  • 1
    Concordo con @DaG. Ci sono verbi che, credo, sono intrinsecamente transitivi o intransitivi in tutte le lingue. Piú che un problema specifico della lingua italiana, è un problema di nozioni individuali di grammatica, in generale. – Ferdinand Bardamu May 21 '15 at 9:08
  • 1
    E.V., il mio suggerimento era solo di procedere per analogia per spiegare il concetto generale di transitività, se la tua collega ne ha bisogno, non di dare per scontato che singoli verbi con lo stesso significato si costruiscano nello stesso modo (ammesso pure che tra due lingue si possa mai parlare di “stesso significato”). – DaG May 21 '15 at 9:44
  • 1
    @E.V. La mia è un’estensione indebita, d’accordo, ma partendo dalla definizione generale, classica di transitività, credo che un verbo come mangiare sia transitivo un po’ in tutte le lingue. (È una mia supposizione, naturalmente.) Insomma, mi pare di poter dire che ci sono verbi fondamentali (mangiare, vedere, andare, ecc.), che denotano azioni comuni a tutti gli esseri umani, che possono fungere da base per un confronto interlinguistico, in specie per lingue in un modo o nell’altro affini e imparentate (alla lontanissima, in questo caso). – Ferdinand Bardamu May 21 '15 at 9:54
  • 1
    @FerdinandBardamu: Anche nelle lingue ergative? ;-) – DaG May 21 '15 at 10:09
4

La distinzione tra verbi transitivi e intransitivi non è propria della lingua italiana, essa esiste in francese, spagnolo e anche tedesco.

E come in italiano, anche in tedesco i verbi transitivi sono verbi seguiti dall'accusativo che rispondono alla domanda “Wen/Was?”/ “Chi/Che cosa?”. Sono inoltre verbi che possono formare il passivo e in tal caso il complemento oggetto diventa soggetto.

I verbi intransitivi, al contrario, sono quei verbi che NON sono seguiti dal complemento oggetto e che normalmente non formano il passivo poichè manca il complemento oggetto da poter trasformare in soggetto nella frase passiva.

Esistono verbi transitivi in una lingua che sono intransitivi in un'altra, ma la regola grammaticale non cambia da una lingua all'altra.

| improve this answer | |
  • Non dovrebbe essere “Wer”? – egreg May 21 '15 at 19:45
  • Nella risposta dovrebbe essere "wer" (compl. oggetto) ma nella domanda "wen" (soggetto). O no? :D – Riccardo I. May 22 '15 at 5:37
1

Queste spiegazioni sono tratte dai libri Grammatica e pratica della lingua italiana per studenti stranieri di Federica Colombo (edizioni ELI) e Grammatica italiana per stranieri di Maria Cristina Peccianti (Giunti Editori). Penso che si tratti proprio di spiegazioni facili da capire dagli studenti stranieri.

Si chiamano transitivi i verbi che possono avere un complemento oggetto (o complemento diretto).

Si chiamano intransitivi i verbi che non possono avere un complemento oggetto (o complemento diretto).

Il complemento oggetto (o complemento diretto) è il tipo di complemento che serve a determinare la persona o la cosa che subisce l'azione da parte del soggetto. Per esempio: Mangio la mela --> "la mela" è il complemento oggetto di questa frase. Dunque, "mangiare" è un verbo transitivo.

Sono generalmente intransitivi i verbi che indicano movimento (andare, venire, partire, ecc.), i verbi che indicano uno stato o un cambiamento della persona (guarire, arrossire, invecchiare, morire, ecc.), i verbi pronominali (vergognarsi, pentirsi, annoiarsi, ecc.) e altri.

In questo link si trova una lista di verbi transitivi e intransitivi.

| improve this answer | |
  • Aggiungerei anche i verbi riflessivi tra quelli generalmente intransitivi. PS: non riesco a correggere un errore nel tuo post: facili DA capire e non DI capire – Riccardo I. May 21 '15 at 17:48
  • @RiccardoI.: L'ho corretto. Grazie mille! – Charo May 21 '15 at 18:04

Your Answer

By clicking “Post Your Answer”, you agree to our terms of service, privacy policy and cookie policy

Not the answer you're looking for? Browse other questions tagged or ask your own question.