2

Quando ho scritto il testo di questa domanda ho usato il termine "marchio", ma ho osservato che @DaG ha usato "marca" nella sua risposta. Non riesco a capire quale sia la differenza di uso tra questi due vocaboli quando si tratta del nome commerciale di un prodotto o del nome della dita che lo produce. Potreste spiegarmelo?

Per aumentare di più la mia confusione, nei commenti alla risposta di @DaG, è stato introdotto un terzo vocabolo per esprimere questo tipo di concetto: "marchionimo".

4

Dal Treccani Marchio e Marca sembrano entrambi essere, in ultima istanza, termini di origine germanica che hanno il significato originario di "segno".

Entrambi possono essere usati in modo intercambiabile nel contesto di ditta produttrice. I termini hanno anche altri significati, come marca da bollo per indicare una certa tassa da applicare ai documenti, per cui i due termini non sono intercambiabili. Marca viene usato specificatamente per molte espressioni simili a marca da bollo, come marca della zecca o marca tipografica.

Esiste anche un'espressione particolare: di marca, usata per indicare un prodotto di una marca prestigiosa, per cui non si può usare il termine marchio.

Se vogliamo essere pignoli la differenza d'uso tra i due termini, in questo contesto, è che solitamente marca indica genericamente la ditta produttrice, marchio viene usato più per indicare il segno stesso usato per rappresentare la marca. Ad esempio, marca: Ferrari, marchio: logo della Ferrari.

Onestamente marchionimo non lo avevo mai sentito, dalla voce sul Treccani indica il nome di un prodotto di una specifica marca che è in uso per indicare tutti i prodotti di quel tipo. Non mi vengono in mente esempi in italiano, ma gli americani usano to google per intendere "usare un motore di ricerca".

| improve this answer | |
  • 2
    È un fenomeno diffusissimo anche in italiano; qualche esempio lo trovi nelle risposte e nei commenti alla domanda citata dall'OP, e altri ne trovi nella voce “Nomi commerciali” dell'Enciclopedia dell'italiano: «bikini, braille, candeggina, cornetto «gelato», cremino, fòrmica, frigidaire, gommapiuma, mangianastri, musicassetta, pennarello, ping-pong, piumone, salvavita «interruttore automatico», scolorina, sottiletta «tipo di formaggio», termocoperta, thermos, zip, ecc.» – DaG Jun 13 '15 at 21:04
2

"Marketing Freaks" traccia un'interessante distinzione tra i due termini.

Il Marchio:

  • Quando parliamo di marchio alcuni lo intendono come logotipo, definendolo come equivalente a quest'ultimo. È più corretto però sottolineare, a livello di marketing, la differenza sostanziale: il marchio è la denominazione statica, il simbolo distintivo che ha la principale funzione di far riconoscere e differenziare l’azienda, è anche definito come trademark. Tutto ciò implica ovviamente il diritto ad utilizzare certi colori e certi grafie e permette di proteggere la proprietà intellettuale legalmente.

  • Possono essere registrati come marchi:

    • Parole,
    • Nomi,
    • Disegni,
    • Lettere,
    • Cifre,
    • Suoni,
    • Forma di un prodotto,
    • Packaging,
    • Combinazioni cromatiche.
  • Fondamentalmente si suddividono in tre macrocategorie:

    • Marchio figurativo (una o più parole in una determinata grafia/disegno)
    • Marchio verbale (una o più dicitura costituita da grafia normale)
    • Altre tipologie (3D, sonoro, olfattivo…)

La Marca:

  • La marca è un elemento complesso e molto più intangibile, riguarda soprattutto il valore che l’azienda è capace di trasmettere al cliente ed è legata al posizionamento nella mente di quest’ultimo o meglio, si crea proprio nella sua mente.

  • La marca comprende la storia aziendale, l’insieme dei prodotti /servizi di tutti gli elementi facenti parti dell’azienda e che permettono di renderla più o meno unica e differenziarla dalla concorrenza, si tratta di un elemento dinamico. Non si limita però solamente agli aspetti interni all’attività ma anzi il maggior peso è dovuto all’awareness, all’opinione degli stakeholders e dei clienti, alle aspettative, ai valori.

  • In questo senso Kotler suddivide così le dimensioni a cui appartengono i significati della marca:

    • Attributi,
    • Benefici,
    • Valori,
    • Cultura,
    • Personalità.

Nel linguaggio comune marca viene usato per riferirsi al brand di un prodotto, mentre il termine corretto sarebbe marchio.

  • Di che marca sono le tue scarpe?
| improve this answer | |

Your Answer

By clicking “Post Your Answer”, you agree to our terms of service, privacy policy and cookie policy

Not the answer you're looking for? Browse other questions tagged or ask your own question.