0

In La spirale, una "cosmicomica" di Italo Calvino ho letto (il corsivo è mio):

Certo, vivevo un po’ concentrato in me stesso, questo è vero, non c’è paragone con la vita di relazione che si fa adesso; e ammetto pure d’esser stato – un po’ per l’età, un po’ per influsso dell’ambiente – quel che si dice leggermente narcisista; insomma stavo lì a osservarmi tutto il tempo, vedevo in me tutti i pregi e tutti i difetti, e mi piacevo, sia negli uni sia negli altri; termini di confronto non ne avevo, va tenuto conto anche di questo.

La presenza della preposizione di in questa frase ha attirato la mia attenzione perché io ho sempre pensato che si potesse dire "tenere conto questo" senza tale preposizione. Per questa ragione, ho cercato informazioni sull'espressione "tenere conto" sul vocabolario Treccani ed ecco quello che ho trovato:

tenere conto (seguito da un complemento di specificazione o da una prop. introdotta dall’espressione del fatto che o semplicem. da che), fare la debita valutazione di una circostanza: bisogna tener conto delle sue reazioni; tieni conto (del fatto) che è già molto tardi

Cioè, uno degli esempi dal Treccani viene costruito con la preposizione articolata "della", ma non so se sarebbe anche corretto omettere tale preposizione. Insomma, la mia domanda è: sarebbe giusto dire "tenere conto questo" oppure si deve dire "tenere conto di questo"?

  • 2
    Si vede non solo la parola "conto", ma anche "tenere": tenere conto (di qualcosa o qualcuno) – I.M. Jul 28 '15 at 12:53
  • tenere conto questo mi suona sgrammaticato – mario Mar 2 '16 at 17:02
5

tenere conto (seguito da un complemento di specificazione o da una prop. introdotta dall’espressione del fatto che o semplicem. da che), fare la debita valutazione di una circostanza: bisogna tener conto delle sue reazioni; tieni conto (del fatto) che è già molto tardi

Quindi dopo "tenere conto" o c'è "che" o c'è sempre un complemento di specificazione; citando ancora Treccani:

SPECIFICAZIONE, COMPLEMENTO DI

Nell’analisi logica, il complemento di specificazione indica una persona, un oggetto o un fatto che servono a specificare, precisare meglio il significato della parola da cui dipende. Può istituire numerosi tipi di rapporti: i più comuni sono quello attributivo (la luce del giorno), di possesso (la casa di Franco), di parentela (la madre di Giulio), di pertinenza (questo è compito della polizia) ecc. È introdotto dalla preposizione di

"È introdotto dalla preposizione di" va inteso come "È sempre introdotto dalla preposizione di": non esiste un caso in cui non succeda.

Quindi se dopo "tenere conto" c'è un complemento di specificazione (il che succede in tutti i casi tranne il caso in cui c'è "che"), "di" ("del"/"dello"/"degli"/"della"/"delle") devono essere presenti affinché il complemento di specificazione possa essere introdotto in un modo grammaticalmente corretto; quindi non può esistere un caso in cui "tenere conto" sia seguito da un qualcosa che non sia "che" senza che quest'ultimo non sia preceduto da una preposizione.

| improve this answer | |
  • 3
    +1, completissimo. Solo per aggiungere un commento che forse aiuta l'intuizione: la locuzione “tenere conto” ha come origine trasparente il fatto di “registrare gli addendi, o altri termini, di un calcolo”. Così come si tiene (il) conto delle spese sostenute per qualcosa, così si tiene conto di altri fattori più astratti. – DaG Jul 28 '15 at 12:44
  • 1
    @DaG Sì, sicuramente aiuta – kos Jul 28 '15 at 13:05
  • 1
    @Charo Nemmeno nel caso citato da DaG? in Italiano sempre, a meno che anche Treccani non se lo sia perso; non mi viene in mente un caso in cui non si usi. – kos Jul 28 '15 at 13:06
  • 2
    @Charo Aspetta perché forse ci stiamo confondendo: Google Traduttore mi da la seguente traduzione di "tenir en compte alguna cosa" (dal Catalano): "prendere in considerazione qualcosa" =~ "tenere in considerazione qualcosa" =~ "tenere in conto qualcosa"; se Google Traduttore non ha sbagliato stiamo parlando di due cose diverse, "tenere in conto qualcosa" è una forma diversa e non vuole la preposizione dopo neanche in Italiano; [cont] – kos Jul 28 '15 at 14:24
  • 3
    [cont] con riferimento al tuo esempio, "tenere conto questo" = sbagliato, "tenere conto di questo" = corretto, "tenere in conto questo" = corretto (ma è una forma diversa), "tenere in conto di questo" = sbagliato (ma è una forma scorretta della seconda forma) – kos Jul 28 '15 at 14:24

Your Answer

By clicking “Post Your Answer”, you agree to our terms of service, privacy policy and cookie policy

Not the answer you're looking for? Browse other questions tagged or ask your own question.