5

Leggendo la Grammatica storica della lingua e dei dialetti italiani, a pagina 13, mi sono trovato di fronte al verbo gire. Non sapendo nulla riguardo all'esistenza di tale verbo, l'ho cercato su Google e a quanto pare è un verbo in tutto e per tutto. La mia domanda è la seguente:

In quante e quali regioni viene utilizzato, in modo significativo, il suddetto verbo?

  • Personalmente, anziché Google avrei consultato uno o più vocabolari. – DaG Sep 15 '15 at 21:21
  • Ho già consultato il Treccani, ma mi dice solamente che il verbo è, appunto, usato solamente in alcune regioni, e perciò la mia domanda. – eslukas Sep 15 '15 at 21:30
  • 3
    Per quanto mi riguarda mai sentito – kos Sep 15 '15 at 22:02
  • 1
    A puro titolo di esempio, segnalo L. Da Ponte, le Nozze di Figaro, atto I, N. 2: "Se a caso madama la notte ti chiama: din din, in due passi da quella puoi gir". – enrico Sep 23 '16 at 17:13
  • "Gire" si usa anche nella provincia di Perugia. Ad esempio "dua gimo?" (dove andiamo?) oppure "dua è gito?" (dov'è andato?). – Simone Porzi Sep 28 '16 at 13:45
7

Più che una forma dialettale sembra essere una forma arcaica/letteraria del verbo "andare", personalmente non l'ho mai visto o sentito usare (tranne che da Dante)

Gire:

  • v.intr. (aus. essere)

  • Andare: lasciammo il muro, e gimmo in vêr lo mezzo (Dante)

  • dif., usato solo nelle forme del pres.indic. noi giamo, voi gite, in quelle dell’imperf.indic. io givo, tu givi, egli giva o gia, essi gìvano, in tutte le forme del pass.rem. e del fut.semplice indic., del pres.cond. e dell’imperf.congiunt., nel part.pass. gito e in tutti i tempi composti a aus. essere

  • (ant., lett.) andare: lasciammo il muro e gimmo inver’ lo mezzo (DANTE Inf. X, 134) Etimologia: ← lat. īre.

(Hoepli e Garzanti)

Qui c'è un accenno a "gire" come forma dialettale umbro/marchigiana:

  • L'area umbro-marchigiana, anche a causa della sua conformazione ..... (sud-est), donna e femmina, andare e gire o ire, ascoltare e sentire, accendere e appicciare. ....

(Treccanionline)

  • 1
    c'è un sostantivo derivato che è ancora molto usato: gita – Walter Tross Sep 18 '15 at 17:30
5

Si usa ancora nel dialetto della città di Potenza nelle stesse forme di Dante. Nella città di Potenza andava si dice 'gia' come nel canto XXVII dell'Inferno, 'gisse' diventa 'gess' è così via.

  • Interessante! Non lo sapevo. :-) – Jack Maddington Sep 25 '16 at 19:54
0

Marche, Valle del Potenza, Cingoli, Apiro: "è gito/gitu" etc. Tutte varianti da "itus" come "jitu", a pochi chilometri.

Your Answer

By clicking “Post Your Answer”, you agree to our terms of service, privacy policy and cookie policy

Not the answer you're looking for? Browse other questions tagged or ask your own question.