2

Elberich mi ripugna.

è una frase ambigua?

Cioè, supponiamo un parlante pronunci quella frase, come possiamo capire se è Elberich che ripugna al parlante o il parlante che ripugna a Elberich?

3
  • 2
    Puoi chiarire un po' meglio? In che senso potrebbe significare che il parlante ripugna a Elberich? – DaG Oct 25 '15 at 17:02
  • 6
    Il verbo utterare in quale dizionario si trova? – Walter Tross Oct 25 '15 at 17:11
  • 2
    Penso che il potenziale problema sia capire se il parlante sta parlando di un certo Elberich esterno alla conversazione o se si sta rivolgendo ad Elberich stesso dandogli del Lei. Nel secondo caso ci sarebbe stata una virgola tra "Elberich" e "mi" (e nel parlato lo si sarebbe capito dall'intonazione), quindi no, non può essere mai ambiguo. – kos Oct 26 '15 at 13:23
6

No, non è una frase ambigua. Vediamo perché:

  • La parola Elberich non è preceduta da nessuna preposizione. Di conseguenza può essere solo un soggetto o un complemento oggetto (ok, ok, sto semplificando.. in questo caso è chiaro però).

  • La parola mi è un pronome personale complemento (mentre il pronome personale soggetto sarebbe io), di conseguenza non può essere il soggetto. Senza altre preposizioni può svolgere il ruolo di complemento oggetto o di complemento di termine.

  • ripugna è un verbo coniugato alla terza persona singolare. Quindi il soggetto non può essere mi in ogni caso, che è un pronome di prima persona. In più è un verbo intransitivo, di conseguenza non può avere un complemento oggetto. Quindi mi è necessariamente un complemento di termine.

Da notare che in quest'analisi non ho utilizzato la posizione delle parole; ad esempio Mi ripugna Elberich ha esattamente lo stesso significato. La posizione delle parole in italiano spesso comunica l'enfasi invece del ruolo grammaticale (come ad esempio è comune in inglese).

Finalmente vediamo una frase quasi identica ma dal diverso significato:

Elberich, mi ripugna!

In questa frase la virgola separa Elberich da mi ripugna. Di fatto qui Elberich viene a diventare un'invocazione ad un ipotetico interlocutore o qualche altro tipo di escalamazione. A seconda del contesto questa frase potrebbe rappresentare una persona che si lamenta con Elberich di una cosa che gli ripugna oppure Elberich potrebbe essere un nome collegato alla cosa che ripugna (ad esempio uccidere Elberich o sposare Elberich). In particolare, al contrario del primo esempio, è impossibile dedurre senza ulteriori informazioni se l'opinione del parlante su Elberich sia positiva o negativa.

2
  • Secondo me, per avere il secondo significato non basta una virgola. Occorrerebbe utilizzare il punto interrogativo, per sottolineare la risposta ad una domanda come in: > Cosa pensi di Elberich? > Elberich? Mi ripugna! Una seconda opzione è voler sottolineare una riflessione del parlante, e qui metterei i puntini sospensivi: > Elberich... mi ripugna! – N74 Oct 28 '15 at 13:26
  • Suppongo sia più che altro una questione di stile. Io non penso che utilizzerei mai il punto e virgola in un periodo così breve, al massimo il punto interrogativo. In ogni caso si tratta di sfumature di significato per cui l'interpretazione della frase dipende fortemente dal contesto. – Denis Nardin Oct 28 '15 at 13:33

Your Answer

By clicking “Post Your Answer”, you agree to our terms of service, privacy policy and cookie policy

Not the answer you're looking for? Browse other questions tagged or ask your own question.