0

Nel romanzo Artemisia, di Anna Banti, ho letto:

«Eravamo soli in sala. Madonna Tuzia batteva il tagliere in cucina. Dissi, ho la febbre, lasciatemi stare. Disse, ho più febbre di voi; e mi prese per mano, volle che andassimo avanti e indietro passeggiando: l'uscio della mia camera era aperto. Mi tenne a forza sul letto con le pugna e coi denti, ma io avevo visto sulla cassa il coltellino di Francesco, mi allungai, lo agguantai, e menavo di sotto in su, tagliandomi la palma.»

Con queste parole Artemisia Gentileschi descrive lo strupo subito da parte di Agostino Tassi quando lei era un'adolescente. Non capisco bene il senso che ha il verbo "agguantare" nel brano precedente. Si referisce forse a questa accezione che ho trovato nel vocabolario Treccani?

Nell’uso fam., anche colpire giusto: se l’agguantava con quella sassata, gli spaccava la testa.

3

In questo brano, il significato è il principale: "prendere, afferrare rapidamente, con forza". Artemisia si allunga, prende il coltellino di Francesco e lo agita, lo muove ("menavo").

| improve this answer | |
  • Grazie: adesso capisco molto meglio il significato del brano! – Charo Jan 23 '16 at 12:02
  • Sei la stessa Benedetta che ha risposto all'altra mia domanda? Se volessi unificare i tuoi account, nel "Help Center" si spiega quello che devi fare: "visit the contact form and select ‘I need to merge user profiles’." – Charo Jan 23 '16 at 12:03
  • Grazie, lo faccio subito :) – Benedetta Jan 23 '16 at 14:44
  • @Charo Si risponde a una domanda! :-) – Giovanni Mascellani Jan 23 '16 at 14:59
  • @giomasce: Grazie mille! Ho fatto la correzione. – Charo Jan 23 '16 at 15:02

Your Answer

By clicking “Post Your Answer”, you agree to our terms of service, privacy policy and cookie policy

Not the answer you're looking for? Browse other questions tagged or ask your own question.