0

Nel romanzo Artemisia, di Anna Banti, ho letto:

Una freddezza affranta le schiude, su queste basi, un avvenire solitario e rassegnato di reproba che sarà almeno il suo regno, come son suoi questo buio, questo letto dove s'è nascosta e il sonno che nessuno può impedirle di simulare, se un lume volesse forzarlo.

Ho cercato il significato di "affranto" in alcuni dizionari e ho visto che può significare stremato, logorato, abbattuto, sfinito. Tuttavia, non capisco il senso di "freddezza affranta" nel brano precedente. Me lo sapreste spiegare?

3

Affranto, in questo contesto, potrebbe essere utilizzato come sinonimo di sconsolato:

2. [che è in una condizione di abbattimento spirituale] ≈ abbattuto, accasciato, afflitto, avvilito, demoralizzato, desolato, prostrato, sconfortato, sconsolato, travagliato, triste. ↔ contento, felice, rasserenato, soddisfatto, sollevato.

Se dunque s'intende "freddezza" come "mancanza di entusiasmo" (cfr. Treccani), freddezza affranta potrebbe essere utilizzata per designare una condizione di impassibilità inconsolabile e che apparentemente non mostra vie d'uscita.

| improve this answer | |

Your Answer

By clicking “Post Your Answer”, you agree to our terms of service, privacy policy and cookie policy

Not the answer you're looking for? Browse other questions tagged or ask your own question.