2

Nel romanzo Artemisia, di Anna Banti, ho letto :

Non c'era che da prevedere cose semplici, inevitabili e insopportabili, tutta quella polvere di Porta a Prato dove le vetture torneavano in una nuvola bianca soffocante e i viaggiatori salivano e scendevano quasi già avvolti dalle nebbie della distanza e già irriconoscibili, in un frastuono di gerghi ultramontani, di urlaci toscani: e mosche sui cavalli sudati e rotolar di mercanzie e bagagli; dove i piedi di chi si fermava a guardare, a salutare, non sapevano dove consistere.

Ho cercato il significato del verbo "consistere" in alcuni dizionari. Tuttavia, non riesco a capire cosa vuol dire che "i piedi non sapevano dove consistere". Me lo sapreste spiegare?

6

Il verbo consistere viene dal latino cum + sistĕre. A sua volta sistĕre è un intensivo di stare e significa fermarsi.

Sul Treccani c'è un esempio da Guicciardini

terre … che … verso il polo meridionale consistono

nel senso di trovarsi, stare.

Nel passo in esame, i piedi non sanno trovare una posizione stabile perché il movimento della folla trascina chiunque cerchi di fermarsi.

Come spesso accade, le parole acquistano significati traslati rispetto a quello etimologico e consistere si adopera in genere per dire avere fondamento o simili. Anna Banti era fiorentina e il lessico toscano, fiorentino in particolare, ha termini che altrove suonano quanto meno strani.

| improve this answer | |
1

"Consistere" solitamente viene usato col significato di "costituito da".

es: Questa frase consiste in una serie di parole.

Tuttavia in questo caso assume il significato di "trovare consistenza (solidità)", riferendosi al pavimento.

| improve this answer | |
1

Penso che qui il termine consistere sia usato in senso più arcaico, forse dialettale di:

  • (ant.) Avere stabilità. (Hoepli)

  • (ant.) Reggersi. (Treccani)

  • Il riferimento è ad una scena caotica dove gli astanti non sanno dove "consistere" ossia dove stare, dove mettere i piedi.
| improve this answer | |
  • In effetti, dato che l'azione si situa nella prima metà del seicento, Anna Banti usa molti arcaismi in questo romanzo. – Charo Feb 7 '16 at 11:27

Your Answer

By clicking “Post Your Answer”, you agree to our terms of service, privacy policy and cookie policy

Not the answer you're looking for? Browse other questions tagged or ask your own question.