1

Nel romanzo Artemisia, di Anna Banti, ho letto:

Risuonarono, fra la polvere manomessa, gagliarde rampogne che datavano dal milleseicentodieci, dal milleseicentoquindici: come gli anni di sdegnoso silenzio, d'esilio, di separazione e disinteresse, pesassero meno di un'ora.

Penso che si riferisca alla polvere dello studio di Orazio Gentileschi a Londra, menzionata prima nel romanzo:

Le giovavano certe faccenduole domestiche -- lavare fazzoletti, lucidare una scatola o un piatto -- che a poco a poco s'era messa ad amare e a prodigare senza necessità intorno al vecchio; dicendosi, al modo delle donne casalinghe inveterate, che lui ne aveva bisogno, che stava a lei il combattere la gloriosa polvere dello studio: perché Orazio non vivesse in tanta sporcizia, appena soccorsa da una scopata dei garzoni. Cominiciava a ragionare [...]. E poiché Orazio usava assentarsi all'improvviso e uscire senza dir dove andasse, era un'avventura insinuarsi, con cencio e piumaccio, fra telai, cartoni, tele arrotolate, quaderni, vecchie lettere.

Ho letto tutte le accezioni di manomettere nel vocabolario Treccani, ma non riesco a capire a quale corrisponda "manomessa" nel primo brano. Me lo potreste spiegare?

  • 1
    Mi servirebbe più contesto per esserne sicuro al 100%, ma credo che il significato in questione sia quello sotto la lettera (c) del dizionario Treccani: disordinare, travisare. Immagino che la protagonista sia in un posto dove la polvere tende ad accumularsi indisturbata e che lei l'abbia, per l'appunto, disturbata. – Denis Nardin Feb 20 '16 at 13:32
  • @DenisNardin: Ho aggiornato il testo della domanda per cercar di farlo. Penso che tu abbia ragione. – Charo Feb 20 '16 at 14:06
3

Dato il contesto credo che il significato in questione sia quello sotto la lettera (c) del dizionario Treccani: disordinare, travisare. La protagonista è nello studio di Orazio Gentileschi, un posto dove la polvere tende ad accumularsi indisturbata, e lei, per l'appunto, la disturba con le sue pulizie.

| improve this answer | |
  • 1
    Ops, Orazio non Oreste! Scusate per il lapsus... Sto evidentemente pensando troppo ad Elektra questi giorni :) – Denis Nardin Feb 20 '16 at 14:54
  • "Travisare" col significato figurato di "far mutare l'aspetto"? – Charo Feb 20 '16 at 14:56
  • 1
    È come lo interpreterei io. Inoltre non dimentichiamoci che la parola manomettere è sufficentemente vicina alla sua origine etimologica mettere mano che usare una per l'altra è perfettamente comprensibile, almeno ad un parlante nativo. Personalmente non lo userei, ma non mi lascia neanche troppo scandalizzato, specie in una prosa arcaicizzante. – Denis Nardin Feb 20 '16 at 14:59

Your Answer

By clicking “Post Your Answer”, you agree to our terms of service, privacy policy and cookie policy

Not the answer you're looking for? Browse other questions tagged or ask your own question.