2

Esistono una serie di espressioni in italiano che possono essere scritte in un unica parola o staccate nelle diverse parole da cui sono composte, ad esempio:

Anzitempo, Anzi tempo

Anzitutto, Anzi tutto

Casomai, Caso mai

Ciononostante, Ciò nonostante

Controvoglia, Contro voglia

Dappertutto, Da per tutto

Dappoco, Da poco

La forma originale di queste espressioni sembra essere quella staccata, l'uso ripetuto ha poi probabilmente generato le forma in un unico termine.

Ad esempio da quanto risulta da Ngram la forma attaccata di perlomeno si è diffusa successivamente a quella staccata.

Qual è il termine per definire questo tipo di fenomeno linguistico?

1 Answer 1

5

È il fenomeno dell'univerbazione:

L’univerbazione è il risultato di un processo diacronico che conduce alla «[f]usione – manifestata anche dalla grafia – di due parole originariamente autonome (palco scenico - palcoscenico, in vece - invece, ecc.)» (Serianni 1989: 750). Come si vede anche dagli esempi riportati, l’univerbazione riguarda casi molto diversi tra loro, che includono sintagmi preposizionali (come almeno o invece) e altre unità di origine sintattica (tuttavia, malaria, nontiscordardimé, ecc.).

Un caso particolare è la concrezione o agglutinazione, «di una parola, in genere di carattere grammaticale, con un’altra di carattere lessicale», dove la prima può essere un prefisso (come “-mente” per gli avverbi), un articolo etc.

2
  • Interessante grazie, immagino che il fenomeno della de-univerbalizzazione non esista, o perlomeno non in modo significativo.
    – user519
    Commented Aug 5, 2016 at 13:06
  • Non mi viene in mente un fenomeno generale, ma qualcosa di interessante lo puoi trovare qui: treccani.it/enciclopedia/… , in particolare ai punti c) e d).
    – DaG
    Commented Aug 5, 2016 at 14:10

Your Answer

By clicking “Post Your Answer”, you agree to our terms of service and acknowledge you have read our privacy policy.