7

(Avvertimento: leggo l'italiano, ma non lo so scrivere bene.)

Da tempo ho notato che in tutta l'area che per me è a primo sguardo linguisticamente 'macro-italiana' (Firenze fino a Palermo, tutti hanno consonanti doppie e preservano le occlusive intervocaliche latine), le forme dialettali dell'articolo determinativo lasciano spesso cadere la L: ecco a e o/u invece di la e il. Pare normale in napoletano, ma l'ho trovato anche in corso e siciliano.

  • È una caratteristica dell'italiano popolare che non riuscì a essere adottata dalla lingua 'corretta'? Ci sono dialetti dove non accade, mai?

  • Ci sono delle regole per la perdita della L o dipende del registro?

(L'articolo è a/o in portoghese - da qui la mia curiosità - e aragonese; in entrambe le lingue, è uno sviluppo secondario; il portoghese perse regolarmente la -L- ma non la -LL-.)

  • 1
    Per il romanesco (il dialetto/italiano regionale parlato a Roma), questo è un esempio dell'effetto della “lex Porena”, la scomparsa della laterale (la “l”) in certe parole (articoli, preposizioni articolate, pronomi) derivati dal latino ille; per esempio, a robba, ma anche joo ddetto (corrispondente a “gliel'ho detto”) etc. La cosa interessante è che è un fenomeno recente, storicamente. C' è qualcosa in merito qui e altrove (cerca appunto “lex Porena”). Per le altre parti d'Italia, non so. – DaG Dec 16 '16 at 14:10
  • Nei dialetti settentrionali la “l” rimane; in veneto il suono è diverso, ma è solo una questione di pronuncia. – egreg Dec 17 '16 at 10:56
  • Anche in milanese la "l" rimane: la cadrega, el taul... – CarLaTeX Dec 17 '16 at 17:30
2

Doverosa premessa, i dialetti italiani sono così tanti e variegati ed inoltre in molti casi non seguono delle regole ben definite, quindi è difficile rispondere a questa domanda.

Ci provo, partendo dal dialetto parlato nella mia città, Taranto, di conseguenza del dialetto tarantino.

Secondo Wikipedia (ed io concordo)

gli articoli determinativi sono i seguenti:

  • 'u (corrisponde nella lingua italiana a il / lo) - singolare maschile
  • 'a (corrisponde nella lingua italiana a la) - singolare femminile
  • le (corrisponde nella lingua italiana a i / gli / le) - plurale

Andando oltre Wikipedia, il "Dizionario della parlata tarantina" di Nicola Gigante (Mandese Editore) sull'articolo 'u dice quando segue:

art. determ. m., il, usato dinanzi a consonante: 'u cielə (il cielo), 'u petə (il piede), 'u zianə (lo zio); e davanti a nomi che cominciano per vocale per la perdita della consonante iniziale: 'u uagnonə (il ragazzo), 'u uandə (il guanto). Per Meyer Lubke è una forma raccorciata; per Rohlfs è variazione atona del pronome; secondo il Merlo è il risultato di una pronunzia velare di: lo > 'u; mentre il mantenersi del lə dinanzi a vocale velare non può se non essere una dissimilazione.

Se però, ci spostiamo a Lecce (circa 90 km da Taranto), beh li è il regno del lu (articolo determinativo maschile singolare).

Il leccese rientra nella categoria dei dialetti meridionali estremi (assimilabile al siciliano), dove l'uso degli articoli determinativi è promiscuo, qui trovi la pagina di Wikipedia

Spero di esserti stato d'aiuto.

| improve this answer | |
-3

Da quello che so è principalmente una caratteristica dei dialetti dal centro Italia in giù (Lazio fino alla Sicilia) dove i termini usati sono derivati molto più direttamente dal greco antico e dal latino. I dialetti del nord hanno invece influenze più nord europee, francesi, svizzere e tedesche principalmente.

Non ci sono regole specifiche. La L è rimossa nell'articolo. O meglio non esiste.

| improve this answer | |
  • Poi vorrei spiegato il perché del voto negativo. – Tony Morello Dec 17 '16 at 19:25
  • Benvenuto su Italian.SE! Il voto negativo non è mio, ma forse il problema è l'assenza di fonti e la spiegazione un po' superficiale. – Charo Dec 18 '16 at 8:49
  • 2
    Formuli varie affermazioni, nessuna delle quali fornita di giustificazioni, citazioni o esempi e che, personalmente, considero poco attendibili. – DaG Dec 18 '16 at 9:31
  • 1
    @Tony, da quello che sai? Fammi capire il tuo sapere, ha un libro di riferimento? Sono voci di corridoio? O lo sai da conversazioni popolane/dialettali dal centro Italia in giù e su? Se è per quest'ultimo, io vivo nel sud Italia e quel 'principalmente", nella tua risposta, non è tanto corretto e vorrei capire di più, magari con qualche fonte almeno attendibile di come "principalmente" il tedesco & company influenzano o hanno influenzato i dialetti del Nord. – mle Dec 19 '16 at 3:16
  • 1
    @TonyMorello: Non trovo dove si parla degli articoli determinativi nel testo che citi... – DaG Dec 19 '16 at 22:50

Your Answer

By clicking “Post Your Answer”, you agree to our terms of service, privacy policy and cookie policy

Not the answer you're looking for? Browse other questions tagged or ask your own question.