0

Mi hanno spiegato che il termine "antifona" può essere usato con il senso figurato di qualcosa che viene detta in modo implicito e velato, ma che si può capire ascoltando attentamente il discorso (in catalano e in castigliano parliamo di una "indirecta"). Ma come posso usare questo vocabolo con questo significato? Sul vocabolario Treccani e su altri dizionari ho trovato il modo di dire

capire l'antifona

in cui la parola "antifona" ha questo senso. Posso usarla però in altri tipi di espressioni? Se la risposta è affermativa, potreste farmi qualche esempio?

  • 2
    Capire l'antifona è l'unico uso di questo significato che mi venga in mente. Per una parola generica con questo significato userei il sottinteso. – Denis Nardin Jan 28 '17 at 15:45
  • Concordo. Occorre tenere conto che nei modi di dire è l'insieme delle parole ad avere un certo significato. Se separi gli elementi, i significati tornano quelli originari. Quindi "capire l'antifona" va usato tutto insieme. – Benedetta Jan 29 '17 at 13:20
  • 1
    Ho lasciato solo un commento perché non mi sembrava abbastanza materiale per una risposta, ma se nessuno ha niente di meglio da offrire trasformo volentieri il mio contributo in qualcosa che Charo possa accettare. Incidentalmente, la persona che ha votato negativamente sarebbe gentile se lasciasse almeno una spiegazione. – Denis Nardin Jan 29 '17 at 19:14
  • 2
    @Gio la mia impressione è che volesse sapere se c'erano altre espressioni dove "antifona" è usata nel senso di "sottinteso", non quali siano i significati della parola "antifona". – Denis Nardin Jan 29 '17 at 23:28
  • 1
    @Gio: Ma, se ho capito bene il Treccani, questo non ha lo stesso significato. Cioè, quando se dice "ripetere la stessa antifona", quello che se ripete continuamente non è necessariamente qualcosa di sottinteso. – Charo Jan 30 '17 at 12:21
3

L'espressione capire l'antifona è l'unico uso di questo significato che mi venga in mente. Una parola italiana che abbia questo significato più generalmente è sottinteso

sottintéso agg. e s. m. [part. pass. di sottintendere]. – Che non è espresso, che non è detto esplicitamente

(Diz. Treccani)

| improve this answer | |
0

In realtà l'antifona è una sorta di ritornello ripetuto durante i salmi responsoriali delle celebrazioni liturgiche. Il salmista recita o canta alcune strofe e l'assemblea risponde con l'antifona. Come ogni ritornello, essa sintetizza in poche parole il messaggio che il salmo vuole veicolare. L'antifona contiene dunque il precetto morale che il fedele deve comprendere e rispettare.

Per estensione il termine si può usare, anche al di fuori del contesto religioso, a indicare un messaggio sotteso a un discorso o a un comportamento che chi parla o agisce ci vuol veicolare.

| improve this answer | |
  • 2
    L'antifona si dice all'inizio e alla fine; il ritornello si chiama, appunto, ritornello. – egreg Feb 25 '17 at 9:32

Your Answer

By clicking “Post Your Answer”, you agree to our terms of service, privacy policy and cookie policy

Not the answer you're looking for? Browse other questions tagged or ask your own question.