3

Nel libro Grammatica italiana per stranieri di Maria Cristina Peccianti ho letto queste spiegazioni sull'uso dei modi verbali nelle proposizioni interrogative indirette:

  • Si usa il modo congiuntivo soprattutto nella lingua scritta e nella lingua parlata più formale: Non riesco a decidere quale sia la cosa migliore per me.

  • Si usa il modo condizionale quando l'interrogativa indiretta esprime una domanda o un dubbio legati ad un'ipotesi: Vorrei proprio capire come ti saresti comportato al posto mio.

Il mio problema è che non riesco a capire del tutto bene qual è la scelta corretta, congiuntivo o condizionale, in una frase che ho cercato di scrivere. Ecco: quale tra queste due sarebbe la forma corretta?

Il governo spagnolo non permette il referendum con il quale si dovrebbe decidere se la Catalogna dovesse diventare uno stato indipendente.

oppure

Il governo spagnolo non permette il referendum con il quale si dovrebbe decidere se la Catalogna dovrebbe diventare uno stato indipendente.

Dovrei scegliere il condizionale argomentando che si tratta di una domanda legata all'ipotesi della Catalogna come un possibile futuro stato independente?

Aggiornamento:
Grazie alla risposta di @Noya, mi sono accorta che c'è una terza possibilità, quella di usare il congiuntivo presente:

Il governo spagnolo non permette il referendum con il quale si dovrebbe decidere se la Catalogna debba diventare uno stato indipendente.

Il mio dubbio è quale di queste tre opzioni sarebbe la scelta corretta e perché.

  • Non vedo interrogative indirette. – egreg Feb 11 '17 at 11:27
  • 1
    @egreg: Non pensi che l'esempio di interrogativa indiretta della Peccianti, Non riesco a decidere quale sia la cosa migliore per me sia simile alla mia frase? Potrei anche scrivere "Non riesco a decidere se la Catalogna debba diventare uno stato indipendente" ed è la stessa struttura, no? – Charo Feb 11 '17 at 11:41
3

Partiamo da una frase più semplice, senza la doppia subordinata:

La Catalogna deve diventare uno stato indipendente?

Si deve decidere se la Catalogna debba diventare uno stato indipendente.

Tempo presente, contemporaneità. Questo rientra anche nelle tabelle che ti ha linkato Noya.

Quand'è che si usa il condizionale, invece? Quando nella domanda c'è un periodo ipotetico:

Come ti saresti comportato se fossi stato al posto mio?

Vorrei proprio capire come ti saresti comportato se fossi stato al posto mio.

Questo perché c'è un limite alla complicazione dei modi verbali che si possono mettere in una frase italiana: dovremmo mettere quella domanda indiretta nel "congiuntivo condizionale presente", ma questo modo non esiste. Quindi:

indicativo -> congiuntivo
condizionale -> condizionale

Ora, il punto delicato è che in questo periodo ipotetico possiamo lasciare implicita la condizione:

Come ti saresti comportato al posto mio?

Vorrei proprio capire come ti saresti comportato al posto mio.

O anche toglierla completamente:

Come ti saresti comportato? (se fossi stato al posto mio)

Vorrei proprio capire come ti saresti comportato.

Quindi quel condizionale in realtà sta lì perché c'è sotto, implicitamente, un periodo ipotetico. Altrimenti, se non c'è questo periodo ipotetico implicito, si usa normalmente il congiuntivo. La tua grammatica cerca di sintetizzare questa idea con "una domanda legata a un'ipotesi", ma mi sembra più chiaro spiegato così come l'ho fatto io.

Nel tuo caso, tu stai pensando a

La Catalogna dovrebbe diventare uno stato indipendente, se vincesse il referendum?

Si deve decidere se la Catalogna dovrebbe diventare uno stato indipendente (se vincesse il referendum).

che mi suona innaturale ma potrei anche considerare corretto, se stiamo parlando di uno scenario ben più contorto. La situazione sarebbe questa: c'è un referendum, vince l'indipendenza, il governo spagnolo decide di non concederla contro il volere del popolo. E ti sto chiedendo: fa bene o fa male? Come quando si pensava che il parlamento inglese non volesse confermare la Brexit.

Ma in questo caso la domanda che vogliamo fare agli elettori è più semplice: "la Catalogna deve diventare uno stato indipendente?", non "se la Catalogna vincesse il referendum, dovrebbe diventare uno stato indipendente?". Non c'è questo periodo ipotetico nascosto.

In altre parole: un'interrogativa indiretta sottintende sempre una domanda / dubbio / ipotesi; si usa il condizionale quando stiamo facendo una domanda su una situazione che già di per sé è ipotetica per la presenza di un'altra condizione aggiuntiva.

  • Mi hai convinta: si deve usare il congiuntivo nella mia frase. Ma adesso ho anche il dubbio: congiuntivo presente oppure congiuntivo imperfetto? (forse dovrei aggiungerlo alla domanda) – Charo Feb 11 '17 at 12:22
  • @Charo Per questo bastano tabelle come quelle che ti ha fornito Noya: tempo presente + contemporaneità = congiuntivo presente. Se si tratta di una domanda al presente è facile: il tempo della domanda non cambia, devi solo passare da indicativo a congiuntivo (a parte per il futuro, in cui si tiene l'indicativo perché il congiuntivo futuro non c'è: un altro caso di "c'è un limite alla complicazione dei verbi in italiano"). – Federico Poloni Feb 11 '17 at 12:58
  • 1
    Il problema è che io ho usato il condizionale nella principale e non il presente indicativo: "si dovrebbe decidere...". – Charo Feb 11 '17 at 13:12
  • 1
    E i miei libri (e anche le tabelle di @Noya) dicono: "proposizione principale al condizionale" + contemporaneità = "proposizione secondaria al congiuntivo imperfetto". – Charo Feb 11 '17 at 13:19
  • Le tabelle di Noya però dicono che quelle regole diverse valgono "quando nella principale si ha un verbo che esprime volontà o desiderio (volere, desiderare, preferire, ecc.) coniugato al condizionale presente o passato." – Federico Poloni Feb 11 '17 at 13:39
-1

In questo caso si usa il congiuntivo. Però si usa il congiuntivo presente per cui se la Catalogna debba diventare perché sono in rapporto di contemporaneità (si tratta di un'ipotesi attuale)

Ho trovato questa pagina che spiega le regole di concordanza del congiuntivo:

http://aulalingue.scuola.zanichelli.it/benvenuti/2012/10/18/la-concordanza-dei-tempi-con-il-congiuntivo-1/

http://aulalingue.scuola.zanichelli.it/benvenuti/2012/10/31/la-concordanza-dei-tempi-con-il-congiuntivo-2/

  • 1
    Scusa, ma non capisco la tua risposta. Secondo i link che hai riportato (e secondo i miei libri di grammatica), se la frase principale è al condizionale, la frase subordinata dovrebbe essere al congiuntivo imperfetto oppure al congiuntivo trapassato (quando esprime anteriorità), non al congiuntivo presente. Non capisco neanche perché la mia frase non rientri nel caso di "una domanda legata ad un'ipotesi" spiegato da Maria Cristina Peccianti. – Charo Feb 11 '17 at 10:55
  • ho corretto la risposta. La frase non esprime anteriorità perché il fatto di divenire indipendente non é successo in passato – Noya Feb 11 '17 at 10:59
  • Questo lo so: il problema è che, secondo i link che hai messo nella risposta, non si usa il congiuntivo presente in una proposizione subordinata che dipende da una proposizione principale al condizionale! – Charo Feb 11 '17 at 11:03
  • 1
    Le persone che hanno votato questa risposta sarebbero in grado di spiegarmi perché in questo caso si debbe usare il congiuntivo presente? Perché io proprio non capisco niente di niente. – Charo Feb 11 '17 at 11:53
  • 3
    Io ho sempre pensato che, in accordo con gli standard di Stack Exchange, una risposta tipo "questo è così perché lo dico io, ma veramente non so spiegare perché, e per di più metto dei link che sembrano contradirmi (o perlomeno dicono una cosa diversa da quella che affermo io)" non è da considerarsi una buona risposta. Quindi, scusatemi, ma non capisco i voti positivi. – Charo Feb 11 '17 at 11:59

Your Answer

By clicking “Post Your Answer”, you agree to our terms of service, privacy policy and cookie policy

Not the answer you're looking for? Browse other questions tagged or ask your own question.