5

Le lingue romanze che conosco hanno più di un modo di dire 'quindi', ma ce n'è sempre uno che è il più utilizzato. Invece in italiano avete due parole che sembrano di connotazione normale - “quindi” e “dunque” - e non riesco a comprendere quando si usa l'una o l'altra. Qualcuno me lo potrebbe spiegare?

2

Il seguente estratto da Treccani.it analizza il significato e l'uso delle congiunzioni "conslusive". Quindi e dunque, di fatto intercambiabili tra loro, sono le congiunzioni più informali rispetto a perciò e pertanto:

  • Stiamo parlando di due congiunzioni adoperate nella coordinazione conclusiva. La coordinazione conclusiva si ha quando «la proposizione coordinata si presenta come una deduzione logica o anche come una sintesi conclusiva di ciò che è stato detto in precedenza (A quindi B)» (Luca Serianni, Italiano, garzantina, 1997, p. 376).
  • Le congiunzioni usate in tale tipo di coordinazione sono quattro, comprese quindi e dunque; le altre due sono perciò e il più formale pertanto. Ecco un paio di esempi letterari: «“Veramente la psichiatra prima era molto occupata, quindi credo che abbia visto poco la bambina”» (Dacia Maraini, Buio); «un normalissimo cane nero innocente e buono e al momento abbandonato dalla tua padrona, e dunque tristissimo e bisognoso di una carezza» (Sandro Veronesi, Caos calmo). Quindi, dunque, perciò e pertanto hanno collocazione variabile.
  • Le due congiunzioni derivano dal latino e sono attestate nell’italiano scritto dalle origini della nostra letteratura. Quindi proviene dalla locuzione parlata *(ĕc)cu(m) ĭnde, propriamente ‘ecco di là’; dunque proviene dal latino tardo dŭnc, da dŭm ‘ancora’. Si può dire che non esistano significative sfumature di significato tra quindi e dunque.
| improve this answer | |

Your Answer

By clicking “Post Your Answer”, you agree to our terms of service, privacy policy and cookie policy

Not the answer you're looking for? Browse other questions tagged or ask your own question.