8

Visto che nei commenti a un'altra domanda era emerso questo dubbio, ne faccio una domanda a sé.

Quando si menziona un titolo che comprende un articolo (per esempio I Promessi Sposi) preceduto da una preposizione, e in particolare da “di”, che fare:

  1. lasciare “di” seguita dal titolo immutato: “l'autore di ‘I Promessi Sposi’”;
  2. modificare “di” in “de”: “l'autore de ‘I Promessi Sposi’”;
  3. ricorrere a una preposizione articolata: “l'autore dei ‘Promessi Sposi’”?
2
  • 1
    Ottima domanda! – CarLaTeX Mar 12 '17 at 10:52
  • In un esercizio che abbiamo fatto a lezione (guardare un video di YouTube per poi rispondere ad alcune domande) c'era scritto "ecco chi è la scrittrice de L'amica geniale. – Charo Mar 12 '17 at 11:31
6

Serianni, nel suo Italiano (ed. Garzanti) risponde in modo molto chiaro esattamente a questo dubbio (in una scheda a p. 578):

Di fronte a un titolo o a un nome di città o di ditta cominciante con un articolo (I Promessi Sposi, La Spezia, Ristorante Il Caminetto ecc.) ci si può trovare in dubbio ogni volta che la sequenza sia preceduta da una preposizione. Nella lingua parlata (e anche in quella scritta, almeno in tutti i casi in cui non sorgano equivoci) la soluzione più semplice è anche la più raccomandabile: la preposizione si fonde con l'articolo iniziale («La stesura dei “Promessi Sposi”», «Sono partita dalla Spezia questa mattina», «Abbiamo cenato al “Caminetto”»).

Nei casi in cui sia necessario rispettare l'integrità della denominazione si hanno varie alternative, nessuna priva di inconvenienti:

§1. Adoperare la preposizione semplice, così come si farebbe davanti a un cognome (di Lo Surdo): di “I Promessi Sposi”, a “Il Caminetto” (inconveniente: creare delle sequenze che non esistono, né sono mai esistite, nella lingua parlata);

§2. Scindere la preposizione articolata nelle sue componenti: de “I Promessi Sposi”, da La Spezia, appoggiandosi all'esistenza nell'italiano antico e poetico di forme scisse delle preposizioni articolate (inconveniente: non si riesce ad evitare del tutto la controindicazione del punto 1 [a “Il Caminetto”]) e comunque si dà vita a forme puramente artificiali, estranee all'italiano di oggi);

§3. Ricorrere a un aggettivo o a un'apposizione che separi preposizione e denominazione: del romanzo “I Promessi Sposi”, al ristorante “Il Caminetto” (inconveniente: in diversi casi la soluzione ha il sapore dell'espediente e comunque non riesce a risolvere tutti i casi: con La Spezia, ad esempio, non potrei dire * dalla città La Spezia perché sarei obbligato a usare la preposizione di ricadendo in pieno nel nostro piccolo problema).

Anche a p. 133, parlando in generale degli articoli, si parla del problema, sottolineando l'artificialità delle forme con “de” e “ne” (anche perché etimologicamente la “e” deriva da quello che poi è diventato l'articolo) e concludendo che

L'uso consigliato (e seguìto) da questa Grammatica è quello di fondere sempre preposizione e articolo iniziale (almeno per i titoli), così come si fa parlando: «il protagonista del Santo di Fogazzaro», «un articolo sulla Gazzetta di Parma», «il Moravia degli Indifferenti».

Quindi il succo è che sia meglio usare sempre le preposizioni articolate, tranne i rari casi in cui sia indispensabile citare l'articolo a sé (poniamo, in un confronto fra I Promessi Sposi e un altro libro intitolato Promessi Sposi), nel quale si ricorrerà a malincuore a una delle tre soluzioni di cui sopra.

Your Answer

By clicking “Post Your Answer”, you agree to our terms of service, privacy policy and cookie policy

Not the answer you're looking for? Browse other questions tagged or ask your own question.