5

Mi domandavo se è possibile formare aggettivi in -abile e -ibile da qualsiasi verbo transitivo o se ci sono regole da osservare. Vedo che i vocabolari riportano molti di questi aggettivi come voci a parte, anche per i verbi regolari, e quando non ne trovo uno mi chiedo sempre se sia comunque legittimo usarlo, come per le altre forme verbali di cui sul vocabolario si trova solo l'infinito presente. Oppure è come inventarsi le parole?

6

L'italiano, come le altre lingue vive, è molto generoso quanto all'“invenzione” delle parole. Non c'è un limite netto fra parole “vere” e parole “inventate”, né tanto meno un canone fissato da dizionari o altro (al contrario, sono i dizionari ad aggiornarsi periodicamente per accogliere le novità).

Ciò detto, “-abile” e “-ibile” sono, insieme a “-evole”, due dei più fertili fra i suffissi aggettivali deverbali (cioè suffissi che si uniscono alla radice di un verbo per creare aggettivi: attenzione, gli aggettivi risultanti non sono forme verbali). Derivano dagli analoghi latini -ābilis e -ĭbilis; il primo si usa con verbi della prima coniugazione e il secondo con gli altri verbi.

Come hai visto, si ottengono aggettivi che indicano una possibilità o un'opportunità e, se aggiunti a verbi transitivi, hanno senso passivo (“amare” > “amabile” = che può essere amato, che è degno di essere amato). Per i verbi intransitivi, il senso ovviamente è attivo: “deperire” > “deperibile” = che può deperire.

Puoi trovare più lumi nel paragrafo XV.55 dell'Italiano di Serianni, ma più in generale potrai trovare interessante tutto il cap. XV, che tratta della formazione delle parole, e in particolare di meccanismi, come questo della suffissazione, che sono “a metà tra lessico e grammatica”, cioè appunto a metà fra le due posizioni del tuo dubbio: non si ottengono vere e proprie parole nuove, mai sentite (come invece, per esempio, adottando parole da altre lingue), ma non si tratta nemmeno di semplici regole morfologiche come quelle che permettono di formare i vari tempi e modi di un verbo partendo dall'infinito.

Your Answer

By clicking “Post Your Answer”, you agree to our terms of service, privacy policy and cookie policy

Not the answer you're looking for? Browse other questions tagged or ask your own question.