0

Nel romanzo Storia della bambina perduta, di Elena Ferrante, ho letto:

Era un insieme di chissà quanti quaderni di scuola simili ai due che avevo sotto gli occhi: banalissimi quaderni luridi con il bordo destro, in basso, sollevato a onda.

Non capisco il senso dell'espressione "sollevato a onda" nella frase precedente. Significa "incurvato in modo ondulato"? Ho cercato la voce "onda" in alcuni dizionari, ma questo non ha chiarito il mio dubbio.

4
  • 4
    Sì, secondo me significa proprio che l'angolo del quaderno si era deformato nel tempo. Mi vengono in mente nelle cose del genere: thumbs.ebaystatic.com/images/m/mSB8XnRoq9Ixgf5e7gHiEMw/… elledecor.it/var/elleit/storage/images/media/images/… May 7 '17 at 9:17
  • 1
    Non credo di aver sentito questa espressione, ma anche a me dà un'impressione simile a quella di Charo e Riccardo (e più specificamente mi fa pensare a un quaderno un po' rovinato dall'umidità, ma probabilmente ci leggo troppo).
    – DaG
    May 7 '17 at 9:48
  • umidità, oppure schiacciato in modo non uniforme... May 7 '17 at 10:14
  • @Charo, mi suona di metafora. Dove hai controllato di preciso? Qui, anche se in plurale ma capirai a cosa alludo, treccani.it/vocabolario/onda_%28Sinonimi-e-Contrari%29 per "a onda" si legge Locuz. prep.: a onde 1. [che ha la superficie o il profilo simile a quello della superficie del mare quando è mosso dalle onde], avevi giá letto quel link? Se si allora il senso fig ti deve essere chiaro chiarissimo, o hai dubbi a capire "sollevato"?
    – mle
    May 7 '17 at 19:17
1

Più che alle orecchie penso che l'autrice si riferisca a quella deformazione che assumono i quaderni quando, a forza di usarli, il calore e il sudore della mano fanno "arricciare" i bordi esterni delle pagine (quelli a destra quando il quaderno è chiuso). Una cosa così, più o meno: http://www.domandeimpossibili.it/wp-content/uploads/2017/05/carta-758x398.jpg

Le orecchie a volte si formano perché si butta il quaderno nello zaino o nella cartella senza alcuna cura. Il quaderno finisce sotto a qualcos'altro, si piega, si stropiccia, si sgualcisce. Ma penso che l'autrice intenda connotare che la deformazione del quaderno è dovuta alle molte ore di impegno e di sudore (fisico e metaforico) passate sul quaderno.

-2

Penso voglia dire che nel quaderno via sia un'"orecchia" ovvero una piega a forma di onda verso l'alto.

11
  • È un modo colloquiale per indicare le pieghe nei bordi del quaderno/libro: google.it/…
    – user154508
    May 8 '17 at 19:38
  • Ti è sfuggito quello che intendevo, fa niente. Tuttavia per "orecchia" intendi come da qui: treccani.it/vocabolario/orecchia a. Piegatura che si fa volontariamente nell’angolo superiore della pagina di un libro, di un quaderno, di un foglio, per segnalare e poter ritrovare un passo particolare, oppure, involontariamente, per negligenza, disordine, incuria.?
    – mle
    May 8 '17 at 19:41
  • @mle: Vorresti fare l'edit un'altra volta?
    – Charo
    May 8 '17 at 19:42
  • Si esattamente quel significato
    – user154508
    May 8 '17 at 19:43
  • @mle: L'hai fatto allo stesso momento di me, quindi adesso il sistema non mi lascia accettarlo.
    – Charo
    May 8 '17 at 19:44

Your Answer

By clicking “Post Your Answer”, you agree to our terms of service, privacy policy and cookie policy

Not the answer you're looking for? Browse other questions tagged or ask your own question.