10

Il termine “resilienza” ha due significati principali:

  • Nella tecnologia dei materiali, la resistenza a rottura per sollecitazione dinamica, determinata con apposita prova d’urto: prova di resilienza; valore di resilienza, il cui inverso è l’indice di fragilità.

  • In psicologia, la capacità di reagire di fronte a traumi, difficoltà, ecc.

Ho l'impressione che il termine sia sempre più usato anche in altri contesti (come in finanza o nello sport ad esempio) e questa mia impressione sembra confermata anche da Google Books.

Il termine “resilienza” sembra avere un'origine scientifica, ma il suo uso sembra ora più comune e diffuso in altri contesti. Cosa ha contribuito a questa recente estensione del suo significato?

6
  • 1
    Qui trovi un interessante punto di vista in ambito sociale. Anche sul Corriere si trova un altro interessante articolo
    – abarisone
    Jul 6 '17 at 14:06
  • @abarisome - come dire che la crisi economica ha fatto la fortuna del termine :)
    – user519
    Jul 6 '17 at 14:20
  • Sì, sostanzialmente chi non evolve e si adatta è destinato a scomparire...
    – abarisone
    Jul 6 '17 at 14:22
  • Come mostra la risposta a quest'altra tua domanda, il termine inglese "resilience" viene usato da tempo in contesti diversi da quelli originari. Forse la popolarità del vocabolo in italiano è dovuta al fatto che ultimamente la lingua italiana è fortemente influenzata dall'inglese.
    – Charo
    Jul 9 '17 at 8:12
  • Certo, il termine è parte del linguaggio tecnico/scientifico. È vero, da un po' lo si sente citare anche in altri contesti. Lo si è smpre fatto, è un modo di sfoggiare vera o presunta vastità di interessi culturali.
    – faber
    Jul 21 '17 at 21:12
5

Ho trovato in questo articolo intitolato "Resilienza ovvero lo spregiudicato invito a innovare" un approfondimento sia sul significato che sulla diffusione del termine resilienza anche in altri contesti.

In particolare:

La prima volta che sentii utilizzare la parola resilienza fu nel 2010 ad un convegno che tesseva le meritate lodi della capacità della cooperazione sociale di resistere all’onda d’urto della crisi. In un primo momento credetti di averla confusa con le parole residenza o resistenza, ma ci misi poco a raccogliere le prove che confermavano la mia prima impressione. In rete si trovava già un’ampia sitografia, anche se fu necessario attendere il 2013 perché in Italia la fama della parola esplodesse con tutta la sua forza, attraverso una lunghissima serie di post, articoli, approfondimenti ed eventi.

E qui ne viene spiegato (in maniera accademica) il processo di diffusione:

Attraverso un processo di traslazione (Translating organizational change , Czarniawska-Sevon, 1996; Global ideas: how ideas, objects and practices travel in a global economy, Czarniawska-Sevon, 2005) il concetto di resilienza si è spostato dall’ambito tecnico-scientifico a quello dell’ecologia, della sociologia, dell’economia, della psicologia etc. Marco Belpoliti (2015) ne ha tracciato un’ottima sintesi in Resilienza: l’arte di adattarsi.

Per quanto riguarda il riferimento di Belpoliti vale la pena soffermarsi sul seguente passaggio:

"Resilienza" è più recente, rimonta al Settecento ("capacità di un materiale di resistere agli urti senza spezzarsi"), sebbene il suo uso in campo metallurgico sia del 1932. L'etimo è esplicito: "saltare indietro". Tuttavia la sua apparizione nel dibattito attuale (nel web ora sono migliaia i siti e gli articoli connessi al termine resilience) è merito degli psicologi.

Emmy Werner lo usò per la prima volta nel 1955 studiando 698 neonati dell'isola Kauai nelle Hawaii nell'arco di trent'anni. Secondo la psicologia tradizionale molti di loro avrebbero presentato in futuro situazioni di disagio psichico, per via delle condizioni delle famiglie d'origine. Werner verificò che invece 72 di loro erano riusciti a migliorare le loro condizioni nell'età adulta, raggiungendo un livello di vita buono. Merito della loro resilienza.

Your Answer

By clicking “Post Your Answer”, you agree to our terms of service, privacy policy and cookie policy